Clementino confessa: “Sono stato sopraffatto dalla cocaina”

Il  rapper napoletano Clementino ha confessato i suoi problemi passati con le droghe, soprattutto con la cocaina. 

Clementino, il rapper napoletano conosciuto anche come Iena White, ha scelto di condividere e raccontare il suo passato con le droghe, che l’hanno portato sull’orlo di un burrone.

C’è stato un momento in cui sono stato sopraffatto da quella mer*a che è la cocaina. Sapete come funziona, sei un artista, prima te la offrono, poi te la compri e ad un certo punto non sei più tu. Io ero la Iena White ma non ero più Clemente“, ha raccontato con estremo coraggio Clementino. Il cantante ha condiviso questa esperienza direttamente con i suoi fans, dalla difficoltà di riuscire a rispettare gli impegni lavorativi, come la presentazione dell’album “Vulcano” perché “ero strafatto in casa da tre giorni“. Il rapper ha scelto poi di entrare in una comunità di recupero per disintossicarsi quando ha compreso di star ferendo i suoi genitori e le persone a lui più care.

LEGGI ANCHE -> Clementino, cosa faceva prima di diventare famoso: la sua storia

LEGGI ANCHE -> Clementino, il dramma della droga: ecco come ne sono uscito

Clementino e la lotta con le droghe

Clementino ha racchiuso il suo rapporto con le droghe nell’album “Tarantelle“, che mette insieme lo stile Black Pulcinella, un mix tra l’hip-hop americano e le radici napoletane. “Sono stato in comunità per due volte per via della cocaina, sono stato in cura da uno psicologo“, ha raccontato l’artista.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Brani come “Un palmo dal cielo” e “La mia follia” raccontano i sogni di Clementino mentre era in comunità e la storia di un ragazzo che sta morendo per una overdose di cocaina. “La musica mi ha salvato la vita. Nei momenti di difficoltà, al posto di perdere tempo in strada a fare cose brutte mi sono chiuso in studio a fare canzoni“, ha rivelato l’artista napoletano.