Coronavirus 21 dicembre: oltre 10mila nuovi contagi

Grave situazione di emergenza Coronavirus oggi 21 dicembre in Italia: oltre 10mila nuovi contagi, scendono i positivi.

(FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images)

Stanno lentamente scendendo i numeri per quanto riguarda il contagio da Coronavirus in Italia: l’obiettivo di scongiurare una terza ondata e di tenere contenuto il numero di nuovi positivi sembra per ora andare in porto. Gli attualmente positivi continuano a calare: sono oltre novemila in meno e si stabilizzano a quota 613.582.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Vaccino, al via il 27 dicembre: il piano Aifa, quanto tempo occorre

Ancora molti numeri sono preoccupanti, con oltre 10mila nuovi contagi, esattamente 10.872 e i decessi che sono stati nelle ultime ore 415, a fronte di quasi ventimila guariti. Al momento in Italia abbiamo complessivamente questi numeri: oltre 25 milioni di tamponi eseguiti, quasi 70mila morti, esattamente 69.214, e i casi totali che si avvicinano lentamente a quota 2 milioni.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Vaccino Coronavirus, arriva lo storico ok dell’EMA: si può partire

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Dati Coronavirus Italia 21 dicembre: la situazione

Frena molto la riduzione di ricoverati e di ricoverati in terapia intensiva: oggi abbiamo 25 ricoveri in meno e 12 ricoveri in meno tra i casi più gravi. La situazione in queste ultime ore è stabile: l’indice di gravità elaborato da YouTrend resta stabile a 74 su 100, lo stesso livello di ieri. La scorsa settimana era tra 75 e 76, quindi lievemente peggiore. Se si guarda al trend settimanale, ci sono 15.474 casi in media al giorno, con un calo del 4% rispetto a 7 giorni fa.

I decessi medi nell’ultima settimana sono 600 al giorno e anche in questo caso c’è una riduzione di circa il 5% rispetto ai sette giorni precedenti. In ogni caso, a fare da contraltare a questi numeri positivi, c’è il fatto che le terapie intensive non si stiano riducendo come nei sette giorni precedenti e che in ogni caso il numero di tamponi effettuati giornalmente sta avendo una riduzione netta.