Vaccino, al via il 27 dicembre: il piano Aifa, quanto tempo occorre

Coronavirus, il vaccino anche in Italia, al via il 27 dicembre la campagna in Italia: il piano Aifa, quanto tempo occorre.

(Scott Olson/Getty Images)

Nicola Magrini, direttore dell’Aifa, ha esposto in un’intervista al ‘Corriere della Sera’ quale sarà il piano vaccinale nel nostro Paese. Si parte il 27 dicembre, “una data concordata con l’Ue per dare un segnale di unità e condivisione”, ha spiegato il dirigente dell’agenzia nel corso dell’intervista.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Decreto Natale, errore clamoroso su La Gazzetta Ufficiale

Quindi ha aggiunto: “In Italia 10mila operatori sanitari, medici e infermieri, si sono prenotati spontaneamente per la vaccinazione che consentirà in partenza di avere ospedali Covid free”. Nella giornata di lunedì 21, il vaccino sarà approvato dall’Agenzia europea, quindi dalla Commissione europea e da Aifa.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Dpcm Natale, quali negozi rimangono aperti nei giorni festivi

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Il piano vaccini in Italia: parla il direttore dell’Aifa

Da quel momento in poi, ha spiegato Magrini evidenziando come il piano sia pronto, “inizieranno regolari consegne settimanali da circa 300mila dosi ciascuna, destinate ai 222 punti di vaccinazione già indicati dalle Regioni ai quali se ne aggiungeranno altri fino ad arrivare ai 300 concordati”. In questo modo, si coprirà un fabbisogno che di circa un milione e mezzo di dosi mensili.

Verranno vaccinati prioritariamente operatori sanitari, lavoratori e ospiti delle Rsa. Il via libera formale è previsto il 23, rileva infine Magrini, quindi “il giorno stesso le agenzie regolatorie nazionali come Aifa riceveranno le schede tecniche, noi abbiamo già trasmesso ad Ema la traduzione italiana, un documento di 25 pagine. Sul nostro sito pubblicheremo tutte le informazioni per i cittadini”. In ultimo un appunto sugli effetti collaterali: “Si sono avuti effetti indesiderati di lieve o moderata entità, facilmente gestibili, come dolore nel punto di iniezione, malessere, astenia, febbre nel 20-30% dei casi”.