Edoardo Bennato, il gravissimo incidente: morta la compagna Paola Ferri

La compagna di Edoardo Bennato, Paola Ferri, è scomparsa in circostante drammatiche. Un gravissimo incidente con il cantante alla guida ha portato alla sua tragica morte.

La tragedia ha stroncato questa storia d’amore. Nonostante il fatto sia successo nel 1995, il ricordo è ancora molto doloroso e vivido.

Edoardo Bennato e la giovane compagna dell’epoca Paola Ferri si trovavano in macchina dopo aver trascorso una serata spensierata con amici. Sembrava davvero una serata come un’altra, ma poi arriva lo schianto. Da quel momento, la vita del cantautore che era alla guida del mezzo non è più stata la stessa.

Paola Ferri: strappata alla vita a soli 23 anni

La coppia si trovava a bordo di un’Audi nei pressi di Casalgrande (Reggio Emilia) quando è avvenuto lo scontro con un Nissan Patrol. L’impatto è stato di una forza spaventosa tanto che le condizioni della Ferri apparvero subito gravi. Fu trasportata d’urgenza all’ospedale di Scandino per essere poi trasferita a quello di Modena.

Leggi anche -> Edoardo Bennato, chi è: età, vita privata, carriera del cantautore

Subito dopo il ricovero la ragazza entrò in coma. Nonostante la ragazza fosse gravissima, Bennato riportò solo alcune fratture alle costole e una spalla lussata. Sfortunatamente lo schianto fu fatale per la giovane ragazza che smise di vivere 5 giorni dopo l’incidente.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La morte dell’amata fidanzata ebbe un grande impatto emotivo sul cantautore. La sua vita fu letteralmente sconvolta da questo fatto e il trauma psicologico fu davvero grande. Anche il suo manager, Aldo Foglia, aveva confermato la sua sofferenza con una breve dichiarazione. “La notizia gli ha provocato un grave contraccolpo psicologico, le sue condizioni fisiche sono sensibilmente peggiorate”.

Leggi anche -> Edoardo Bennato: chi è la figlia Gaia, curiosità sulla giovane

A seguito dell’incidente, Bennato decise per un patteggiamento davanti al Pretore di Reggio Emilia. La pena fu di otto mesi di reclusione con i benefici per omicidio colposo risarcendo la famiglia di lei con 150milioni di lire.