Papà ucciso dal figlio 19enne: gli spacca la testa durante un gioco

Malcolm Callender, 48 anni, è morto mentre stava facendo il “gioco degli schiaffi” con il figlio adolescente. 

Malcolm Callender, 48 anni, responsabile amministrativo del Wellington College, una delle scuole più prestigiose della Gran Bretagna, è morto mentre faceva il “gioco di schiaffi” con il figlio Ewan, 19 anni. Un banale quanto tragico incidente, come confermato anche dal medico legale che si è occupato del caso.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il tragico incidente costato la vita al papà di Ewan

Callender, veterano dell’esercito, si è messo le mani dietro la schiena e ha detto al figlio: “Avanti, colpisci!”. Alcuni testimoni hanno visto Ewan stringere i pugni prima di dargli un sonoro schiaffo, così forte da farlo letteralmente volare all’indietro. Il 48 enne ha sbattuto la testa a terra e l’impatto è stato talmente violento da non lasciargli scampo. Qualcuno ha cercato di prestargli un primo soccorso, mentre Ewan gridava: “Svegliati papà! Papà ti voglio bene!”, ma purtroppo è stato tutto inutile.

Leggi anche –> Uccide il figlio di 2 mesi mentre gioca alla Playstation: l’atroce confessione

Leggi anche –> Bimba di 3 anni muore in un tragico incidente al parco

Il figlio è stato arrestato sul posto ma poi scagionato, essendosi trattato come detto di un tragico incidente. Nel corso delle indagini è emerso che Ewan era riluttante a schiaffeggiare suo padre, di corporatura più robusta, ma “voleva farlo contento”. I due stavano seguendo una partita in un pub del centro di Reading, il 12 aprile dell’anno scorso, quando hanno iniziato a “scherzare”.

“Papà mi ha schiaffeggiato mentre uscivo solo perché stavamo scherzando – ha raccontato Ewan -. Era solo uno scherzo. Non c’era niente di aggressivo”. La moglie di Malcolm e mamma di Ewan, Catherine Morrison-Callender, ha confermato che i due facevano spesso quel gioco. Dopo la corsa al Royal Berkshire Hospital, però, al 48enne è stata diagnosticata un’emorragia subdurale acuta che l’ha stroncato nelle prime ore del mattino successivo.

EDS