Daisy Coleman, suicida dopo stupro: si uccide anche la madre – FOTO

A quattro mesi di distanza dal suicidio della giovane Daisy Coleman, anche sua madre Melinda ha scelto di togliersi la vita.

Daisy Coleman madre suicidio
Dal Colorado Daisy Coleman madre suicidio Foto dal web

L’attrice Daisy Coleman si era uccisa ad agosto 2020 sparandosi. Ed ora, a quattro mesi di distanza, anche sua madre ha scelto di togliersi la vita. La donna, Melinda, di 58 anni, non sopportava il fatto che la sua figlia 23enne si fosse suicidata. La giovane Daisy era diventata molto nota per avere partecipato alla serie Netflix ‘Audrie & Daisy’.

Leggi anche –> Alberto Genovese, spunta un’altra accusa di stupro: i dettagli

Si è uccisa nel corso di una videochiamata con il suo fidanzato su Facetime. La notizia della morte della madre di Daisy Coleman è giunta da SafeBae, un gruppo Instagram nato per denunciare e prevenire gli stupri e che la stessa Daisy aveva fondato. La signora Melinda è stata trovata priva di vita nella serata di domenica 6 dicembre 2020. Lavorava come veterinaria ed era nota per la cura del corpo tramite esercizi di fitness. Sconvolto suo marito Tristan e tanti altri amici oltre che i parenti. La coppia aveva anche altri due figli, Charlie e Logan.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Daisy stuprata a 14 anni | ora si è suicidata

Daisy Coleman, dopo la sua morte venne distrutto il negozio dove lavorava

Il cadavere di Daisy Coleman venne rinvenuto il 4 agosto 2020 a Lakewood, in Colorado, in seguito proprio ad una denuncia presentata alla polizia da Melinda. Sembra che la ragazza avesse dei problemi di salute mentale. Il documentario Netflix ‘Audrie & Daisy’ risale al 2016 e parlava delle aggressioni carnali subite sia da lei che da una sua amica quando entrambe erano poco meno che 14enni. La madre di lei aveva commentato il suicidio della figlia imputandolo agli stupri subiti che le avevano impedito di potere avere dei figli in futuro. In più Daisy era anche tormentata da uno stalker. La ragazza aveva trovato lavoro in un negozio di tatuaggi a Denver, devastato da ignoti pochi giorni dopo la sua morte.

Leggi anche –> Ragazza uccisa, il patrigno le spara poi si suicida: lei aveva 29 anni