Nuovo Dpcm Natale: spostamenti vietati tra Regioni, scuole ancora chiuse

Emergono i contenuti del nuovo Dpcm Natale: gli spostamenti tra le Regioni saranno vietati e le scuole rimarranno chiuse.

Il prossimo Natale, lo si è capito già da qualche settimana, sarà differente dal solito. Il governo non ha intenzione di mollare la presa perché il timore di una terza ondata a gennaio è forte. I tecnici si attendono che l’Rt nazionale possa scendere sotto la soglia dell’1 già nelle prossime settimane, il che permette di ipotizzare una maggiore libertà per l’apertura di negozi e ristoranti. Una possibilità che permette ai lavoratori ed al settore economico in generale di tirare un sospiro di sollievo.

Leggi anche ->Dpcm Natale, i provvedimenti di dicembre: lotta ai furbi in sci

A differenza di quanto ipotizzato nei giorni precedenti, però, non ci sarà un via libera per gli spostamenti tra le Regioni. Anzi, si pensa che il blocco possa essere esteso anche alle Regioni gialle. L’obiettivo è quello di evitare che ci siano migrazioni di massa verso le località turistiche e che si possano generare cluster di infezione difficile da controllare. La stagione sciistica per questo 2020 è da considerarsi esclusa. Gli albergatori, a questo punto, chiedono che il governo chiusa i confini, al fine di evitare che la concorrenza estera possa usufruire del blocco.

Leggi anche ->Nuovo Dpcm, spostamenti in seconde case: quando si potrà fare

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dpcm Natale: scuole ancora chiuse, tutte le misure

Non solo lo spostamento tra le Regioni, ma anche l’ipotesi della riapertura delle scuole è stata scartata. Si valutava, infatti, la possibilità di una riapertura per medie e licei entro il prossimo 9 dicembre. Un’ipotesi che ha generato numerose polemiche e che dopo il confronto con sindaci e Regioni è stata scartata. Per gli studenti, dunque, ci sarà da attendere almeno un altro mese. La chiusura sarà infatti prolungata sino al prossimo 7 gennaio 2021.

Per quanto riguarda le seconde case, se l’indice Rt sarà inferiore ad 1 verrà data possibilità a chi abita nelle zone gialle di spostarsi nelle seconde case. Differente invece la posizione sul coprifuoco: qualsiasi sia l’andamento della curva, il coprifuoco verrà mantenuto alle ore 22 anche durante i giorni di festa come Natale e Capodanno. Per quanto riguarda i locali ed i ristoranti si valuta la possibilità di aprirli la sera invece che di giorno, visto che scuole e uffici rimarranno chiusi.