Covid, i vaccinati trasmettono il virus lo stesso? Parla Burioni

L’infsttivologo Burioni ha fatto chiarezza su un punto importantissimo della lotta al Covid 19 che riguarda direttamente i vaccini. 

burioni asintomatico malato
Il professor Roberto Burioni ricorda che gli asintomatici sono malati in piena regola Foto dal web

In queste ultime settimane stanno arrivando notizie positive e confortanti per quanto riguarda la lotta al Covid 19 e sopratutto per quanto riguarda i vaccini. Il vaccino, che è ovviamente ancora in fase di sperimentazione, consentirebbe di convivere con il virus e tutelare le fasce più deboli della popolazione.

Leggi anche–> Roberto Burioni ammette: “Sul vaccino sbagliavo, possibili tempi brevi”

Ma chi sarà vaccinato è effettivamente immune dal coronavirus? E può comunque trasmetterlo agli altri? Su questi punti fondamentali, l’infettivologo Roberto Burioni ha fatto chiarezza.

Burioni sui vaccini anti-Covid 

Roberto Burioni si è pronunciato sulla questione in documento informativo. La questione è cruciale: se anche chi sarà vaccinato potrà comunque trasmettere il virus agli altri, sarebbe impossbile pensare ad un’immunità di gregge. La domanda è lecita ma prematura, dato che naturalmente il vaccino contro il coronavirus è ancora in fase di sperimentazione e risposte più precise ci saranno nel momento in cuin comincierà ad essere sperimentato effettivamente.

Leggi anche–> Burioni | ‘Asintomatico non vuol dire non essere malato’

Quello che si può fare è osservare altri virus e come si sono comportanti con il vaccino e le notizie sembrano essere buone. I vaccini che abbiamo a disposizione al momento per combattere altri virus, sono efficaci anche per impedire la trasmissione, oltre che per tutelare il paziente ovviamente. L’esempio di virus come quelli del Morbillo, varicella, parotite, emofilo, epatite A, epatite B, meningite ACWY sono evidenti.

Leggi anche–> Burioni contro Salvini, basta parlare di asintomatici

Burioni in seguito invita alla cautela: ancora è presto per trarre conclusioni, dato che il vaccino contro il covid è ancora in fase preliminare. Quindi è difficile capire quali saranno i prossimi sviluppi a riguardo. Nonostante quindi le rilevazioni hanno restituito dati ottimistici, l’infettivologo termina il documento con parole risolute: “Ripeto, non sappiamo se i vaccini contro COVID-19 impediranno solo la malattia o anche la trasmissione. I risultati preliminari a mio giudizio inducono a un cauto ottimismo. Ma l’ottimismo non basta, ci vogliono le prove

burioni