Burioni | ‘Asintomatico non vuol dire non essere malato’

Parla Roberto Burioni: “I soggetti asintomatici corrono rischi enormi. Chi lo è non è affatto al sicuro”. L’avvertimento del virologo.

burioni asintomatico malato
Il professor Roberto Burioni ricorda che gli asintomatici sono malati in piena regola Foto dal web

Sul discorso relativo ai contagi oggi interviene Roberto Burioni. Il noto virologo ci tiene a precisare con decisione che “essere asintomatico non vuol dire essere sano e non risultare malato. Se sei asintomatico hai comunque il virus nel tuo organismo”. Quindi un asintomatico è un individuo malato che non deve avere assolutamente contatti con altre persone.

Leggi anche –> Vaccino Covid | gli italiani lo faranno? La risposta sorprende

Burioni ne parla sulle pagine di ‘Medical Facts‘, la rivista medica da lui stesso diretta. “La parola asintomatico svela tutto: “asintomatico” vuol dire senza sintomi. Avviene anche con l’Aids, che può manifestarsi in maniera evidente pure dopo anni”. E chi è asintomatico viene a saperlo solo dopo un controllo. Può anche darsi che un individuo che apparentemente risulta sano possa essere “gravemente malato”. Questo è un problema perché non consente una rapida ed efficace individuazione di quei soggetti che, a loro insaputa, veicolano e diffondono il virus. E così i contagi restano alti. Chi è malato poi, se non cura la malattia, finirà irreversibilmente incontro a spiacevoli conseguenze, come scrivo Burioni. “I controlli in questo senso sono fondamentali”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Cura dei pazienti contagiati a domicilio, attenzione alla saturazione

Burioni: “Proprio gli asintomatici diffondono di più il virus”

Attualmente ci sono tantissime persone che “stanno subendo colpi fortissimi nel loro organismo e nemmeno lo sanno”. I contagi poi avvengono in principal modo proprio da quegli individui ignari di essere contagiosi. Il virologo conclude il proprio intervento sottolineando l’importanza decisiva nel rispettare le regole. Mascherine correttamente indossate su naso e bocca, distanziamento fisico con almeno un metro di spazio con gli altri e limitazione al massimo di uscite e spostamenti sono i soli mezzi che abbiamo per poter fare calare la curva dei contagi. Attualmente la media giornaliera di nuovi malati in Italia oscilla fra i 30mila ed i 40mila, con circa 400 morti ed oltre ogni 24 ore.

Leggi anche –> Regioni a rischio, cambio colore da domani: ecco quali sono

Gestione cookie