Lutto nel mondo del calcio: muore a 50 anni Massimo Telloli

Il mondo del calcio, amici e parenti piangono la scomparsa di Massimo Telloli, morto a soli 50 anni a causa di un male incurabile.

Si è spento nella giornata di ieri Massimo Telloli, 50enne responsabile tecnico del settore giovanile della Codigorese, squadra di calcio nella quale aveva militato da calciatore e di cui era diventato un personaggio simbolo. Da mesi Massimo lottava contro un terribile male, scoperto purtroppo tardivamente nello scorso mese di marzo. Con il suo sorriso di sempre e con la positività che lo contraddistingueva, Massimo ha affrontato anche questa ultima battaglia. Al suo fianco, come accadeva da tutta una vita, la moglie Katya, conosciuta quando aveva 17 anni e mai più lasciata.

Leggi anche ->Ludovica Pagani, grave lutto per la giornalista e influencer

Oltra all’amata moglie, Massimo lascia i suoi adorati figli: la primogenita Mathilda, appena divenuta 18enne, e il piccolo Mathias (15 anni). Ma soprattutto lascia a chiunque l’abbia conosciuto una vagonata di ricordi e insegnamenti. Ecco le parole con le quali lo ha salutato la sua Katya: “Difficile trovare il ricordo più bello con Massimo ci siamo conosciuti quando avevo diciassette anni, ero in vacanza al mare e da quel momento non abbiamo mai smesso di pensarci insieme e così è stato”.

Leggi anche ->Ragazza morta, scappa da auto in fiamme e cade dal ponte – FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi era Massimo Telloli

Cresciuto con una passione sconfinata per il calcio, Massimo Telloli ha giocato per anni nella Fulgor Codigoro, squadra con la quale ha vinto il torneo Tavolini. Pur non riuscendo a diventare un professionista, non ha mai abbandonato la passione per il calcio e finché il fisico ha retto ha giocato per la Capitello. All’attività agonistica ha affiancato poi quella di talent scout, divenendo il direttore tecnico del settore giovanile della Codigorese e una figura paterna per tutti i ragazzi che ci sono passati.

Quando ha compreso che la sua passione per il calcio non lo avrebbe condotto al professionismo, Massimo ha cominciato a lavorare come responsabile commerciale per una ditta di Milano. Proprio all’interno di questa azienda ha rinsaldato il rapporto con Katya e portato avanti il progetto di vita e famiglia insieme a lei.