Boccia avverte: “Si parla del cenone, ma molti italiani non ci saranno”

Sarà un mese delicato quello di dicembre tra l’emergenza sanitaria e il periodo delle festività natalizie: il Ministro Boccia predica calma

Saranno giorni infuocati per ricercare nuove misure per contrastare l’emergenza Coronavirus. Il Ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, ha svelato il suo punto di vista come ospite a La Vita in diretta: “Molti italiani non ci saranno più il prossimo Natale”. Poi ha aggiunto senza peli sulla lingua: “Discutere di cenoni e feste con 600-700 morti al giorno non mi sembra per nulla giusto. Non dobbiamo perdere il senso di comunità”. Il Natale sarà un periodo d’oro per ritrovare gli affetti dopo tantissimi mesi distanti, ma non sarà facile per tutti: “Con così tanti morti al giorno parlare di cenone è fuori luogo, lo dico senza paura e con estrema chiarezza. Discutere di Natale e Capodanno è ancora più fuori luogo”.

Leggi anche -> Il piano segreto di Conte per il Natale in famiglia: dipende dall’RT

LEGGI ANCHE —> Conte annuncia: “No alle vacanze sulla neve, scuole riaperte”

Boccia, le varie misure per le festività natalizie

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

In aggiunta, Boccia non ha voluto annunciare le nuove misure: “Al momento non ci sono le condizioni per aprire gli impianti da sci: vediamo se nel prossimo Dpcm ci potranno essere”.  Infine, ha invocato gli italiani a continuare così come stanno facendo, rispettando sempre le regole anche durante i giorni di festa: “So che è dura per tutti,  per le famiglie e per i ragazzi che vanno a scuola e anche per i lavoratori sanitari: domani tenerci per mano visto sono sicuro che vinceremo e ne usciremo più forti di prima. Non dobbiamo abbatterci perdendo il senso comunità italiana”.