Ci sarà la terza ondata, l’allarme di Pregliasco: la spiegazione

Ci potrebbe essere anche una terza ondata, come svelato dall’epidemiologo Fabrizio Pregliasco: ecco il suo punto di vista

Novità importanti per quanto riguarda l’arrivo del vaccino con gli annunci di alcune aziende, come Pfizer efficace al 90% e Moderna efficace al 94,5%. Nelle scorse ore lo stesso Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha svelato: “Ci sarà una campagna di vaccinazione anti-Covid nel Paese che sarà senza precedenti”. La seconda ondata è stata contrastata con provvedimenti importanti e con la divisione dell’Italia in tre zone (rosse, arancioni e gialle). Come svelato dall’epidemiologo Fabrizio Pregliasco ha rivelato il suo punto di vista: “Bisogna pensare a un sasso gettato nello stagno. Quest’epidemia crea per forza diverse ondate, una dopo l’altra. La popolazione intanto comincia a reagire, vengono creati i vaccini, e le ondate diventano sempre più deboli”.

Leggi anche –> Coronavirus, Massimo Galli: “Preoccuparsi per Pasqua e la terza ondata”

Leggi anche –> Massimo Galli | ‘Niente aperture a Natale | c’è in gioco la vita di…

Ci sarà la terza ondata, la spiegazione di Pregliasco

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Successivamente lo stesso Pregliasco ha svelato: “Purtroppo ci conviveremo. Guardiamo anche l’H1N1, l’influenza che ha cominciato ad apparire nel 2009. Non aveva gli stessi effetti devastanti del Coronavirus. Eppure con il tempo anche questa è diventata semplicemente un’influenza stagionale”. Infine, ha ribadito le varie difficoltà: “Questo virus ha un R0 di 2,5. Per arrivare all’immunità di gregge su tutto il territorio nazionale bisogna che il vaccino raggiunga il 60% o anche il 70% della popolazione. Io seguirei lo schema proposto dal Cdc perchè è il più applicabile ma i superdiffusori restano un rischio. Si è visto anche che un singolo paziente infetto possa contagiare anche 16 persone”.