Nuovo Dpcm in arrivo: divieti, chiusure, negozi, sport, tutte le novità

Il governo sta lavorando al testo del Dpcm di dicembre, ecco tutte le novità: divieti, chiusure, negozi e sport.

Ci troviamo ad una settimana di distanza da una data molto importante, quella del 27 novembre. Sarà proprio dal monitoraggio dei dati della prossima settimana infatti che si potrà capire se ci sarà spazio per l’allentamento delle misure nazionali e quali potranno essere concesse. Già dalla scorsa settimana il comitato tecnico-scientifico ha rivelato una lieve flessione dell’indice Rt a livello nazionale (passato da 1,7 a 1,4) e una decisa in alcune regioni (Lombardia e Piemonte).

Leggi anche ->Covid, in Italia contagi 17,5 volte superiori, lo rivela uno studio

Se questo andamento dovesse essere confermato questo venerdì ed il prossimo, ci sarebbe margine di manovra per allentare le misure restrittive a partire dal Dpcm del prossimo 3 dicembre. Già la prossima settimana Lombardia e Piemonte potrebbero passare in zona arancione, mentre da quella successiva alcune in zona arancione in quella gialla. Per quanto riguarda le limitazioni condivise, quelle valide per tutto il territorio, ci sono delle ipotesi in campo, vediamo quali sono.

Leggi anche ->Dpcm dicembre, Crisanti: “Inaccettabile riaprire tutto a Natale”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nuovo Dpcm, tutte le novità: negozi, ristoranti, sport e chiusure

Sempre a condizione che il miglioramento intravisto in questi giorni venga confermato dai dati, una delle ipotesi più probabili riguarda una riapertura totale dei negozi. Questi sono ancora aperti nelle zone arancioni e gialle ad eccezione della domenica e dei festivi. Se il miglioramento fosse confermato potrebbe essere deciso di riaprirli in tutte le zone, permettendo l’apertura dei centri commerciali anche nei weekend. Ovviamente si dovranno seguire delle regole rigide, sul numero di persone ammesse all’interno, sul distanziamento sull’igienizzazione e sulle mascherine. Per facilitare il contingentamento e dunque gli acquisti, potrebbe essere permessa un prolungamento dell’orario d’apertura fino alle 22.

La seconda ipotesi è quella di un ritorno alla quasi normalità per ristoranti, bar e pub. A questi verrebbe permesso di rimanere aperti oltre le 18, ma non oltre il coprifuoco. Chiaramente dovranno essere rispettate alla lettera le regole: non più di 4 al tavolo, mascherina quando ci si alza e distanziamento tra i presenti al bancone e all’interno del locale (sia esso all’aperto o al chiuso). Per quanto riguarda il coprifuoco, inoltre, ci sarebbe uno slittamento dell’orario conforme al cambiamento delle misure. Si pensa che si possa spostare il tutti a casa alle 23 o addirittura alle 24.

Miglioramento o meno della curva non verranno intaccati i divieti di spostamento nelle e tra le regioni arancioni e rosse. L’obiettivo è quello di evitare che si verifichi una situazione simile a quella dell’estate con viaggi e spostamenti che hanno portato alla creazione di focolai. Nessun cambiamento per quanto riguarda gli sport: dunque palestre e piscine rimarrebbero chiuse, così come gli impianti sciistici.

Natale 2020 restrizioni DPCM FOTO Getty Images