Carolina Rey: perché la conduttrice non può avere altri figli

I problemi di salute di Carolina Rey e la prima gravidanza ad alto rischio: perché la conduttrice non può avere altri figli.

(Instagram)

Partecipa a Tale e Quale Show, nella fase del Torneo dei Campioni, e sta sicuramente stupendo tutti con le sue doti canore: lei è Carolina Rey, mamma di un figlio. La donna è fidanzata da tempo con Roberto Cipullo, produttore cinematografico, il quale ha ben 20 anni in più della compagna.

Leggi anche –> Carolina Rey, chi è il fidanzato Roberto Cipullo: età, foto, lavoro

La coppia è davvero molto affiatata e il figlio Filippo è la testimonianza più grande del loro amore. Ma a quanto pare, il bimbo resterà figlio unico. Non perché la donna non desideri diventare di nuovo mamma e regalare un fratellino al piccolo Filippo, ma perché a quanto pare ha un problema di salute fin dall’adolescenza, legato alla tiroide.

Leggi anche –> Carolina Rey rivela il dramma vissuto: “Ho rischiato di perdere mio figlio”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Quale problema di salute affligge Carolina Rey

In un’intervista al magazine ‘Confidenze’, la giovane protagonista di Tale e Quale Show ha spiegato: “Mi piacerebbe dare a Filippo un fratellino, ma so che difficilmente riuscirò: ho avuto una gravidanza molto difficile e probabilmente Filippo resterà figlio unico. Come mamma ho sempre dei dubbi, ogni giorno mi ha faccio domande”. Insomma, la conduttrice televisiva ci tiene a precisare che tutto è legato appunto ai suoi problemi di tiroide, che hanno reso molto complicata già la prima gravidanza.

Conduttrice, attrice e cantante classe 1991, i problemi di tiroide le hanno causato negli anni altre conseguenze, come problemi legati al peso e altro. Per lei, che è una persona attiva, fare la gravidanza di fatto a letto per mesi interi, è stato davvero duro e nonostante questo suo sacrificio fino all’ultimo ha rischiato gravi conseguenze, sia per lei che per il nascituro. La scelta di non avere altri figli le è stata perciò dettata dagli stessi medici, preoccupati per le conseguenze di una nuova gravidanza.