Coronavirus, i dati OMS: un morto ogni 17 secondi in Europa

L’allarme Coronavirus non riguarda solo l’Italia, i dati OMS preoccupano: un morto ogni 17 secondi in Europa.

(MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

L’Organizzazione mondiale della sanità ha avvertito nelle scorse ore, durante un incontro con la stampa, che i tassi di mortalità per COVID-19 in Europa erano allarmanti, rivelando che ogni 17 secondi una persona muore a causa del virus nel Vecchio Continente. Allarma anche il dato dell’Italia, dove il rapporto è di un morto ogni due minuti.

Leggi anche -> Coronavirus, Lopalco avverte: “Non andrà mai più via”

“L’Europa rappresenta il 28% dei casi globali e il 26% dei decessi nel Continente sono legati al Coronavirus”, ha detto al briefing Hans Kluge, direttore regionale dell’OMS per l’Europa. Quindi ha aggiunto: “La scorsa settimana, l’Europa ha registrato oltre 29.000 nuovi decessi per Covid-19. Questa significa che una persona muore ogni 17 secondi”.

Leggi anche -> Coronavirus, Bassetti: “I morti in Italia sono molti meno”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I dati OMS sul Coronavirus preoccupano l’Europa

(TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

Il rovescio della medaglia è che c’è qualche speranza che le misure di blocco messe in atto in paesi come Regno Unito, Francia e Spagna stiano effettivamente funzionando. Il numero di nuove infezioni è diminuito del 10% la scorsa settimana per la prima volta in tre mesi, scendendo a 1,8 milioni. Anche il professor Pregliasco prevede una drastica riduzione dei contagi in Italia già a partire dalla prossima settimana.

Kluge comunque ha messo in guardia contro l’allentamento delle restrizioni troppo presto, sottolineando che il guadagno politico non vale il rischio da prendersi. “Troppo spesso abbiamo visto l’impatto negativo dell’allentamento troppo rapido”, ha spiegato. “Ora ci sono stati oltre 15,7 milioni di casi di Covid-19 e quasi 355.000 morti segnalate all’OMS, con oltre 4 milioni di casi in più solo a novembre nella regione europea dell’OMS”, ha aggiunto. Quindi ha anche detto che la situazione attuale è opprimente negli ospedali. L’appello è a usare infine gli strumenti per combattere il virus, citando l’uso di maschere, l’igiene delle mani e l’allontanamento sociale.