Ambra Angiolini, il dramma: “Mi deformava, la prima volta a 15 anni”

La conduttrice e attrice Ambra Angiolini torna a parlare della bulimia e del suo dramma: “Mi deformava, la prima volta a 15 anni”.

(screenshot video)

L’attrice Ambra Angiolini ha deciso di raccontare il dramma che l’ha accompagnata per anni e in questi giorni è uscito in libreria “InFame”, in cui ripercorre le tappe della sua battaglia contro la bulimia. “Con la bulimia ci si deforma” – spiega in un’intervista a ‘Le Iene’ – “Mi dicevano ‘rifattona’, ma in realtà non ero rifatta, ero piena di succhi gastrici impazziti”.

Leggi anche –> Ambra Angiolini, la dura confessione: malata di bulimia, il dramma

La sua è stata una battaglia partita molti anni fa, quando era davvero una ragazzina: “La prima volta avevo 15 anni. Avevo preso spunto da un film, aveva a che fare con questa modella che mangiava nervosamente delle cose e poi inspiegabilmente andava dritta in un bagno e vomitava”.

Leggi anche –> Ambra Angiolini, il dramma della bulimia: “Ecco chi mi ha aiutata”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La bulimia, il dramma contro cui ha lottato Ambra Angiolini

(screenshot video)

“Io me la sono ricordata quando la mia testa ha avuto bisogno di un modo per cominciare”, prosegue, spiegando cosa le è accaduto e cosa ha innescato quel meccanismo che l’ha trascinata in una lunga battaglia. Non è la prima volta che Ambra Angiolini confida di aver a lungo lottato contro la bulimia, ma spera che il suo libro apra gli occhi a molte persone su quello che è un male oscuro, che spesso passa in secondo piano.

L’ex moglie di Francesco Renga e attuale fidanzata di Massimiliano Allegri sottolinea che questa è una vera e propria malattia e che quindi nulla ha a che vedere con le diete. Sostiene ancora Ambra Angiolini: “Non c’entra niente la bellezza, poi qualcuno ha deciso che era la malattia di chi voleva essere magra. Posso dire che è una stronzata?”. E conclude: “Non mi frega più, cioè non prenderà mai più il sopravvento. Ma io so che c’è”,

Ambra Angiolini