Proposta delle Regioni al Governo: “Abolite i 21 indicatori per decidere le zone”

Secondo quanto emerso nelle ultime ore, le Regioni avrebbero chiesto al Governo di abolire i 21 indicatori e lasciarne solo 5.

La situazione epidemiologica ci obbliga a parlare di quelle che saranno le decisioni del Governo riguardo le misure da applicare nel prossimo mese di dicembre. Al momento, infatti, non c’è stato un calo significativo del numero di contagi giornalieri e, dunque, del Rt nazionale. Quest’ultimo indicatore, quello decisivo per capire se l’epidemia sta rallentando, oscilla tra l’1,7 e l’1,4. Sappiamo che per sperare di poter tornare ad una vita più simile a quella normale, questo valore dev’essere sotto ad 1.

Leggi anche ->Miozzo avverte: “Il problema resta nella trasmissione dei dati”

Per il momento, dunque, si resta con la prospettiva della divisione in zone anche per il mese di dicembre. Difficile che prima della data di scadenza del Dpcm attuale, qualche Regione riesca ad ottenere un cambio di fascia verso la zona di minor rischio. Se infatti è possibile passare da una zona di fascia a medio rischio ad una di rischio alto o massimo, il percorso inverso è più complesso. Secondo la strutturazione del sistema di lockdown a zone, infatti, c’è bisogno di un trend positivo incontrovertibile e costante per due settimane.

Leggi anche ->Arcuri gela tutti: “Il vaccino non sarà distribuito nelle farmacie”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le Regioni chiedono al Governo di abolire il 21 indicatori

Già ieri alcune Regioni sono andate in pressing sul Governo per chiedere il passaggio da zona rossa a zona arancione. La proposta è partita dalla Lombardia e dal Piemonte, ma il Ministero della Salute frena. Nelle scorse ore è stato anche richiesto che venissero aboliti i 21 indicatori utili a determinare il livello di rischio, così da snellire la procedura di divisione. La richiesta prevedeva che per prendere la decisione rimanessero soltanto cinque parametri: rapporto positivi-tamponi, Rt, tasso occupazione posti letto in terapia intensiva e quello nei reparti covid, numero e tipologia di figure professionali dedicate al contact tracing. La richiesta, tuttavia, è stata rispedita al mittente dal Ministro Speranza.