Coronavirus e vita sessuale: i consigli dell’infettivologo Bassetti

Cosa fare per conciliare Coronavirus e vita sessuale: i consigli dell’infettivologo Bassetti su partner stabili, preservativo e rapporti occasionali.

(screenshot video)

In un’intervista che ha rilasciato ad Annalisa Chirico e che è stata rilanciata via Facebook dalla giornalista, il dottor Matteo Bassetti, direttore della clinica malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, rovescia quanto affermato da molti suoi illustri colleghi circa i rapporti sessuali ai tempi del Coronavirus.

Leggi anche -> Coronavirus, Lopalco avverte: “Non andrà mai più via”

Sono in tanti gli esperti che consigliano l’astensione dalla vita sessuale in questo periodo. Ad esempio, sul tema il virologo Fabrizio Pregliasco è stato netto: “L’invito purtroppo è a quella che potrebbe esser drammaticamente un’astinenza, per non dire ad attività onanistiche come unica alternativa”.

Leggi anche -> Coronavirus e sesso, Pregliasco: “In questo momento astenetevi”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Conciliare Coronavirus e vita sessuale: come fare

Come spesso accade in controtendenza rispetto a suoi colleghi, ancora una volta il giudizio che dà Bassetti va nel senso opposto e addirittura incoraggia ad avere rapporti sessuali. “Quando ho visto queste raccomandazioni, da una parte mi sono messo a ridere e dall’altra mi sono molto depresso”, ha sottolineato l’infettivologo. E ha aggiunto: “Abbiamo lavorato negli ultimi 30 anni per insegnare alla gente a mettere il preservativo, ora ci dicono che basta una mascherina”.

Questo il senso delle parole di Bassetti: “Avere rapporti sessuali col proprio partner stabile fa bene, perché fare l’amore fa bene all’amore e fa bene anche alla psiche. Anzi in un momento come questo bisogna anzi praticarlo più di prima. In caso di partner occasionale, bisogna usare il preservativo. Ci sono cose peggiori da prendersi se non si usa il preservativo rispetto a non usare la mascherina. In questo momento, il partner occasionale sarebbe da evitare, ma coi locali chiusi è pure difficile trovarlo”.