Coronavirus e sesso, Pregliasco: “In questo momento astenetevi”

Ospite di ‘Un giorno da pecora’, il virologo Fabrizio Pregliasco consiglia agli italiani di astenersi dal sesso anche in coppia.

Nel momento attuale in cui si registrano 16 mila contagi al giorno, la possibilità di incappare in un asintomatico positivo sono altissime. Per questo motivo il primo obiettivo del governo è quello di limitare la movida e le uscite notturne. Queste, infatti, sono le principali occasioni in cui è possibile incontrare persone estranee delle quali non si conoscono abitudini e situazione sanitaria familiare.

Leggi anche ->Coprifuoco alle 21 in tutta Italia: l’alternativa è il lockdown nazionale

Appare chiaro come il sesso occasionale, per alcuni la finalità o epilogo positivo delle uscite serali, sia una pratica ad alto rischio. Per questo i conduttori di ‘Un giorno da pecora’, programma di Radio Rai, hanno chiesto al virologo Fabrizio Pregliasco come gli italiani si debbano approcciare al sesso in questo momento delicato. La risposta dell’esperto è stata netta: “L’invito purtroppo è a quella che potrebbe esser drammaticamente un’astinenza, per non dire ad attività onanistiche come unica alternativa”.

Leggi anche ->Covid, Gimbe: “Raddoppiati i contagi e i decessi, saltato il sistema di tracciamento”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, Pregliasco consiglia l’astinenza anche per le coppie

Se dunque l’astinenza dal sesso occasionale appare una logica conseguenza della situazione attuale, un po’ meno ovvia è quella con il coniuge o il compagno. Eppure Pregliasco spiega che al momento la cosa più sicura da fare è evitare anche i rapporti tra i componenti di una coppia: “Il guaio è che anche il nostro familiare può esser asintomatico”, spiega il virologo.

Quando gli viene chiesto apertamente se bisogna evitare il rapporto con il coniuge (fidanzato/a, convivente) questo risponde: “È questo il problema. In ogni caso un’attività sessuale ha un certo rischio e le ‘variazioni sul tema‘ possono essere impegnative”. Il virologo scarta anche la possibilità di un rapporto con indosso le mascherine, una pratica difficoltosa e difficile da sostenere: “è molto complicato farlo, d’altra parte tutte le variazioni sono a rischio di un contatto”.