Dpcm | ‘Natale 2020 con meno restrizioni sarebbe tragico errore’

Da qui ai prossimi mesi arriveranno diversi altri Dpcm. E gli esperti consigliano di mantenere le strette anche a Natale 2020 “è necessario”.

Natale 2020 restrizioni DPCM FOTO Getty Images

Il Dpcm in vigore adesso ed entrato in vigore ad inizio novembre durerà per poco meno di tre settimane. Attualmente la data di scadenza delle misure restrittive che hanno suddiviso l’Italia in tre fasce di rischio rimarrà valido fino a giovedì 3 dicembre. In tale data poi l’Esecutivo Conte ed il Comitato tecnico scientifico sapranno già se potere allentare i provvedimenti in corso o confermarli.

Leggi anche –> Virus, studio rivela: “In Italia circolava già da settembre 2019”

Tutto dipenderà dall’ondata di contagi e dall’indice Rt riscontrato ad inizio dicembre. Ma già ora il possibile allentamento delle misure di contenimento del virus porta gli esperti del settore medico e scientifico ad esprimersi in maniera sfavorevole rispetto a tale ipotesi. Qualche lieve miglioramento c’è, da quando è diventata operativa la catalogazione delle zone rosse, arancioni e gialle. Ma la necessità di osservare le regole ben note su mascherine, distanziamento sociale e divieto di assembramenti e di spostarsi solo per urgenze dovrà andare avanti ancora per mesi. Altrimenti si rischia di fare di nuovo dei passi indietro come accaduto dall’estate in avanti.

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Vaccino, pronta bozza del Ministero: ecco chi lo riceverà subito

Dpcm, gli esperti: “Riaperture a Natale 2020 dannose, misure necessarie”

Gli stessi esperti temono che la seconda ondata durerà per più tempo rispetto alla prima, a causa dell’incombere della stagione invernale, che favorisce tradizionalmente il circolare dei malanni annessi. Il fatto è che ci stiamo avvicinando alle festività di fine anno e salvare il Natale 2020 e l’economia può rappresentare un’arma a doppio taglio in fatto di contenimento del virus. E parimenti si avrebbe di nuovo una regressione delle conquiste fatte in tema di rallentamento della pandemia. Virologi come Andrea Crisanti mostrano un atteggiamento severo, ma per il bene della popolazione. Bisognerebbe semmai approfittare delle ferie natalizie proprio per tenere tutto chiuso e cercare di preparare la strada per una agognata discesa intorno a fine gennaio od inizio febbraio. In tale ottica certamente arriveranno ulteriori Dpcm.

Leggi anche –> Crisanti avverte: “A Natale chiudere tutto, nessuna riapertura”