Paolo Conticini, l’esperienza da spogliarellista: “Ho rischiato di essere impallinato”

In una recente intervista, il protagonista di Ballando con le Stelle, Paolo Conticini, ha raccontato della sua vita da spogliarellista.

Sono più di vent’anni ormai che Paolo Conticini ha raggiunto la popolarità come attore. Una professione giunta per caso, quando era ancora molto giovane. A favorirne il successo è stato l’incontro con Christian De Sica, i due si sono conosciuti sul set di ‘Uomini Uomini Uomini’ e da quel momento hanno instaurato un bellissimo rapporto. Una collaborazione proficua la loro che li ha portati ad essere ottimi amici.

Leggi anche ->Veera Kinnunen, il dramma segreto svelato soltanto adesso

Se i suoi fan conoscono bene le sue qualità attoriali, in questo scorcio di autunno hanno imparato ad apprezzarlo anche come ballerino. Paolo è uno dei concorrenti più amati e apprezzati, tanto che la sua platea di fan si è allargata dismisura nell’ultimo periodo. Quella del ballo per Conticini non è una passione recente. Non molti sanno, infatti, che l’attore ha cominciato ad ottenere l’indipendenza economica proprio ballando.

Leggi anche ->Paolo Conticini e Veera Kinnunen: “Faremo un ballo più a nudo”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Paolo Conticini, l’esperienza come spogliarellista: “Una volta ho rischiato grosso”

Non molti sanno, infatti, che prima di diventare un attore, Paolo aveva iniziato la carriera di spogliarellista. Si trattava di un lavoro temporaneo, con il quale il giovane Conticini riusciva a mettere qualcosa da parte ed aveva guadagnato l’indipendenza economica. L’attore non si vergogna di quella parte della sua vita, anzi la ricorda con piacere. Si trattava di un lavoro che gli piaceva molto e che lo divertiva. Inoltre capitava anche che rimorchiasse durante il servizio.

Un extra che gli serviva da incentivo per continuare, almeno finché non è incappato in un incidente che poteva costargli caro. Di questo episodio ha parlato proprio l’attore in un’intervista concessa a ‘Grand Hotel‘. Alla rivista ha spiegato di essere andato a casa di una bella signora dopo lo spogliarello. Mentre si stava consumando il rapporto, però, si è verificato un imprevisto: “Il marito, esperto cacciatore e collezionista di fucili doveva essere fuori città. Invece rientrò all’improvviso. Come nei film, raccattai al volo i miei vestiti e mi nascosi in mansarda. Rimasi lì senza fiatare fin quasi all’alba, poi, sgaiattolai via in punta di piedi con il terrore di venire impallinato”.