Samuele Bersani, 7 anni di silenzio: cosa è successo al cantante

Il ritorno di Samuele Bersani con un nuovo album, 7 anni di silenzio e assenza: cosa è successo al cantante.

(screenshot video)

50 anni compiuti, Samuele Bersani è un cantautore italiano tra i più noti e apprezzati per la sua raffinatezza, il suo equilibrio e la sua intelligenza: di recente ha pubblicato un nuovo disco dopo sette lunghi anni di silenzio. Il titolo è “Cinema Samuele” e i suoi fan lo hanno accolto davvero con molto interesse.

Leggi anche –> Samuele Bersani, chi è: età, carriera, vita privata del cantautore

Tante sono le domande che però i fan del cantante si sono fatti su questo suo lungo silenzio e i dubbi sono stati sciolti proprio dal diretto interessato, che in alcune interviste non ha negato di aver attraversato da un punto di vista soprattutto sentimentale un periodo per nulla facile e felice.

Leggi anche –> Chi è Lucio Dalla: vita privata, carriera, amori, successi e morte del cantautore

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Perché Samuele Bersani non ha pubblicato dischi per sette anni

Intervistato da ‘Le Iene’, ha spiegato che se oggi avesse vent’anni non parteciperebbe a un talent show per questioni caratteriali, aggiungendo anche che non ama particolarmente la musica trap. Nel corso dell’intervista, ha spiegato di non essere fidanzato: “Ma sono innamorato”. Non nega di voler avere figli e sottolinea che non vorrebbe averli troppo in là con gli anni. Di fronte alla domanda sull’uso di psicofarmaci, sostiene di aver preso lo Xanax e ammette di soffrire di attacchi di panico.

“La depressione ce l’ho da quando avevo 17 anni”, ha sottolineato ancora Samuele Bersani, spiegando che “va e viene, viene e va”. Nessuna domanda sull’assenza dalle scene durata sette anni, ma in un’altra intervista, stavolta al Corriere della Sera, lo stesso cantautore non si era tirato indietro e aveva sottolineato: “Ho attraversato un momento privato che mi ha impoverito. Ho scritto così tanti sms per il cuore di qualcuno che non riuscivo nemmeno a scrivere più la lista della spesa, figuriamoci una canzone. Ero professionalmente spento”.