Morto Giuseppe Ciotoli, storico gestore del bar Sisto di Ostia

Si è spento ieri sera Giuseppe Ciotoli, storico gestore del Bar Sisto, a causa di complicazioni dovute alla contrazione del Covid-19.

Tutta Ostia è in lutto per la scomparsa di Giuseppe Ciotoli. L’uomo, 73 anni, era diventato un’istituzione della località balneare romana, grazie al suo ruolo di gestore del Bar Sisto. Questo infatti era un punto d’incontro per tutti coloro che si recavano ad Ostia e volevano gustarsi un buon gelato. Affetto già da tempo da problematiche fisiche legate all’età, Giuseppe nelle scorse settimane ha contratto il Covid e le sue condizioni di salute sono peggiorate rapidamente. Purtroppo i medici non hanno potuto fare nulla per salvargli la vita e ieri sera il suo cuore ha smesso di battere.

Leggi anche ->Bologna, incidente mortale: investita 19enne sulle strisce pedonali

La tragica notizia della scomparsa di Ciotoli è stata condivisa con i media e la cittadinanza dalla sua famiglia. Giuseppe ha lasciato i fratelli Liliana e Mario, la moglie ed i figli Edoardo e Fiammetta. Adesso saranno proprio questi ultimi a gestire le arene estive Superga e Sisto ed il cinema multisala Cineland. Se l’attività al bar è sempre stata la sua prima occupazione, il lavoro che gli aveva lasciato in eredità il padre, il cinema era stata da sempre la sua più grande passione.

Leggi anche ->Morto Salvatore Solimeno, il campione di body building: aveva 45 anni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi era Giuseppe Ciotoli

Onesto e infaticabile lavoratore, Giuseppe Ciotoli metteva l’anima in tutto ciò che faceva. Il bar Sisto, eredità di famiglia, è divenuto nel tempo un luogo di ritrovo per tutti i cittadini della città metropolitana di Roma. Qui si andava per prendere il gelato, ma era anche tradizione recarvisi per bere una cioccolata calda il primo dell’anno. Appassionato di Cinema, riuscì ad aprire tre sale.

La sua passione per gli artisti del campo cinematografico venne ricambiata da tanti. Claudio Villa era un ospite fisso del bar, Renato Zero andava da lui per fare scorta di liquirizie. Nanni Moretti andava a gustarsi una coppa di gelato da lui ad ogni prima di un suo film.