Coronavirus, altre 2 Regioni in zona rossa: Campania e Toscana

La mappa del Coronavirus in Italia, altre 2 Regioni in zona rossa: si tratta di Campania e Toscana, tre diventano arancioni.

(FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images)

Si aggrava la situazione del Coronavirus in Italia e con questa anche quella delle Regioni maggiormente a rischio: l’aggiornamento della mappa, che emerge dalla cabina di regia dell’Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute, evidenzia ben due Regioni che passano in zona rossa e tre che dalla zona gialla passerebbero a quella arancione.

Leggi anche: Conte promuove la didattica in presenza: “Scuole non sono focolai”

Si è in attesa della conferma ufficiale, ma entrerebbero tra le Regioni in zona rossa anche Campania e Toscana, che si uniscono a Calabria, Lombardia, Piemonte, Provincia di Bolzano e Val d’Aosta. Le Regioni in zona arancione salirebbero a 9: in questo caso sarebbero Emilia-Romagna, Friuli e Marche.

Leggi anche -> Coronavirus, Ricciardi: “Il Lockdown? Non è stato ancora scongiurato”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lockdown soft: come cambia la mappa del Coronavirus in Italia, nuove zone rosse e arancioni

(FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images)

Le tre Regioni che passerebbero – stando alle indiscrezioni – in zona arancione, di fatto si uniscono ad Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia e Umbria. Restano a questo punto in zona gialla solo Lazio, Molise, Trento, Sardegna e Veneto. Di fatto, siamo di fronte a quello che da qualche giorno viene definito un lockdown soft. La mappa della diffusione del Coronavirus in Italia, con relative restrizioni, si dovrebbe dunque modificare.

In base all’ultimo Dpcm, il ministro alla Salute Roberto Speranza, dopo aver sentito le Regioni, provvederà nelle prossime ore a firmare l’ordinanza con i nuovi provvedimenti, che coinvolgono appunto direttamente cinque Regioni italiane. I dati sono al momento al vaglio del Cts, che però dovrebbe confermare quanto emerso dalla riunione della cabina di regia dell’Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute, consultate anche le Regioni.