La mostra di Van Gogh a Padova diventa un racconto virtuale

La mostra di Van Gogh a Padova I colori della vita”, diventa un racconto virtuale su Facebook.

mostra van gogh virtuale
Vincent van Gogh, Il seminatore, 1888, olio su tela, cm 64,2 x 80,3. Collection Kröller-Müller Museum, Otterlo, the Netherlands © 2020 (Photography Rik Klein Gotink, Harderwijk)

Chiusa a pochi giorni dall’apertura dello scorso 10 ottobre, a causa dell’emergenza Covid-19, la mostra allestita a Padova “Van Gogh. I colori della vita” passa sul web. Non si tratta di una visita virtuale ma di un vero e proprio racconto della vita e dell’arte del celebre pittore olandese, così fortemente legate l’una all’altra.

Il racconto è condotto da Marco Goldin, curatore della mostra, ed è accompagnato dalla musica del compositore e pianista Remo Anzovino. Si tratta di quattro appuntamenti nei lunedì sera di novembre con l’obiettivo svelare la genialità e la potenza della pittura di Van Gogh. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Leggi anche -> Covid, cancellata la Prima alla Scala di Milano, non accadeva dalla guerra

La mostra di Van Gogh a Padova diventa un racconto virtuale su Facebook

La mostra “Van Gogh. I colori della vita” era stata aperta il 10 ottobre scorso al Centro San Gaetano di Padova. Una grande mostra, molto, importante, insieme all’altra allestita in città, quella sui Macchiaioli. Purtroppo, entrambe sono state costrette a chiudere a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19 che ha avuto un peggioramento della curva epidemica, obbligando il governo a introdurre nuove restrizioni e chiusure.

Con l’ultimo DPCM del 3 novembre sono stati chiusi mostre e musei., che erano stati risparmiati dal precedente decreto di fine ottobre, che aveva chiuso bar e ristoranti alle 18.00. Il nuovo provvedimento dovrebbe restare in vigore fino al 3 dicembre, ma il futuro è pieno di incertezze e non è escluso che possano esserci delle proroghe.

Come accaduto la scorsa primavera durante il lockdown, tuttavia, la cultura non si ferma e tornano le iniziative virtuali. Qui, in particolare, riguardo alla mostra di Van Gogh a Padova sono state organizzate delle dirette su Facebook con un racconto sull’arte e sulla vita del celeberrimo pittore olandese.

A raccontare Van Gogh, in parole e musica, sono Marco Goldin, curatore della mostra di Padova, e Remo Anzovino, pianista e compositore. Le dirette sono trasmesse sulla pagina Facebook di Linea d’ombra, società che ha organizzato la mostra di Van Gogh a Padova.

Il primo appuntamento, “Van Gogh nei campi di grano. La forza della natura e l’idea del tempo circolare” è andato in onda lunedì 9 novembre alle 21.00. Comunque, il video è presente su Facebook e potete vederlo o rivederlo quando volete.

La prima puntata della diretta Facebook su Van Gogh è stata divisa in tre parti: introduzione al tema, letture e musiche, e confronto con il pubblico. Marco Goldin ha introdotto l’analisi sull’arte di Van Gogh, presentando “la scoperta della luce in Provenza in mezzo ai campi di grano attorno ad Arles”.

La diretta Facebook ha avuto molto successo e c’è attesa per le prossime puntate in programma il 16, 23 e 30 novembre,  dedicate rispettivamente agli amici di Van Gogh ad Arles, al tema della malinconia nella casa di cura di Saint-Rémy e alla fine del viaggio nella vita a Auvers.

La mostra Van Gogh, I colori della vita

Van Gogh. I colori della vita” (Padova, Centro San Gaetano, dal 10 ottobre 2020 all’11 aprile 2021) non ha nulla di generico e non è solo una sfilata di quadri e disegni, che pur in molti casi sono capolavori notissimi.
È invece un sorprendente percorso volto a far conoscere, passo dopo passo, alcune trame della vita e dell’opera di Van Gogh non così affrontate finora. Questo per la volontà del curatore di ricostruire l’intero percorso, includendo anche quanto di solito non viene compreso o è stato poco o per nulla studiato. Sarà lo stesso Van Gogh a raccontarsi in mostra, attraverso le sue lettere. Esse sono il filo conduttore di un poderoso volume di 850 pagine che Marco Goldin, ideatore e curatore della mostra, ha scritto per La nave di Teseo. Libro in uscita in parallelo all’apertura dell’esposizione e intitolato “Van Gogh. L’autobiografia mai scritta”.

Leggi anche –> Grand route Italia: il portale dei parchi e giardini più belli