Bitonto, primo caso in Italia di Coronavirus in un cane

Il Covid-19 e il contagio negli animali: primo caso in Italia di cane positivo al Coronavirus, avviene a Bitonto, provincia di Bari.

(Pixabay)

Una barboncina avrebbe contratto il Coronavirus: si tratta del primo caso in Italia di cane contagiato dal Coronavirus e arriva da Bitonto, in provincia di Bari. La cagnolina di un anno e mezzo è risultata positiva al Covid-19 il 5 novembre, quando è stato effettuato su di lei il tampone. Positivi anche i quattro membri della famiglia in cui vive.

Leggi anche: Coronavirus, allarme cani e gatti: “Isolati da proprietari infetti”- VIDEO

Nicola Decaro, professore ordinario di malattie infettive degli animali all’Università di Bari, ha spiegato all’Adnkronos: “Il cane è asintomatico ed è stato un colpo di fortuna averlo intercettato perché la famiglia ci ha permesso di testarlo all’interno di un progetto di ricerca che stiamo conducendo sui cani e i gatti. Questo è il primo esemplare trovato con l’infezione in corso e la presenza dell’Rna virale”.

Leggi anche: Coronavirus: gatto infettato dalla sua proprietaria – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cane positivo al Coronavirus: c’è da preoccuparsi? Gli esperti rispondono

seconda ondata Lopalco aperitivo

In ogni caso, il medico ha rassicurato i proprietari di animali domestici: “La barboncina è stata contagiata dalla famiglia, ma non corre nessun pericolo. E voglio tranquillizzare chi ha animali domestici a casa, non c’è nessun pericolo”. Rassicurazioni arrivano anche dall’assessore regionale alla Sanità, Pier Luigi Lopalco, che è anche un esperto epidemiologo, ricercatore dell’Università di Pisa.

“La notizia non rappresenta un problema sanitario, da quanto è emerso fino ad ora i cani non sono ospiti in grado di diffondere il contagio”, ha riferito all’Ansa. Non è la prima volta che vengono documentati casi di positività al Coronavirus tra gli animali e in altre occasioni è stato anche lanciato l’allarme. In questo caso, invece, sono proprio gli esperti i primi a rassicurare su eventuali conseguenze.