Coronavirus, Napoli e Caserta: ipotesi zona rossa

Allerta Coronavirus, provvedimenti maggiormente restrittivi per le province di Napoli e Caserta: ipotesi zona rossa.

(CARLO HERMANN/AFP via Getty Images)

Si va verso misure maggiormente restrittive in diverse parti d’Italia, dopo che ieri cinque Regioni sono passate dalla zona gialla alla zona arancione. Il caso Campania sta diventando al centro del dibattito: infatti, non in tutta la Regione le situazioni sono simili e soprattutto l’area di Napoli, come quella della provincia di Caserta ha dati molto preoccupanti.

Leggi anche: Lockdown nazionale, anche il Pd frena: “Non previsto”

In queste ore, dunque, si parla di una zona rossa limitata a solo due province, con il resto che dovrebbe restare zona gialla o salire verso l’allerta arancione. Il Ministero della Salute si pronuncerà oggi sulle misure di sicurezza da prendere nella regione, ma appare evidente che decisioni drastiche verranno prese visto l’elevato numero di contagi.

Leggi anche: Coronavirus, zona arancione: aumento delle restrizioni in 5 Regioni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Perché Napoli e Caserta rischiano di diventare zona rossa

Visti i dati attuali, sembra più che verosimile pensare a un’ipotesi diversa rispetto alle valutazioni fatte in altre Regioni e considerare dunque la “zonizzazione” differenziata all’interno della stessa Regione. Il sindaco di Benevento ed ex ministro Clemente Mastella ha anche nei giorni scorsi invitato a prendere in considerazioni proprio una stratificazione a zone su base regionale. Del resto, è evidente guardando qualsiasi indicatore che la situazione di Napoli e Caserta è ben più grave di quella delle altre province.

Sono soprattutto le strutture ospedaliere nel capoluogo e nel casertano in gravissima difficoltà e tutti i numeri ormai da giorni indicano come siano da prendere provvedimenti per Napoli e Caserta. Addirittura, per quanto concerne il capoluogo, già da settimane si sottolinea come sia necessario correre ai ripari con un lockdown locale: questo vorrebbe dire che resterebbero aperte solo le attività essenziali, con il divieto di uscire di casa se non per motivi di lavoro o per urgenze, ma anche di spostarsi verso un comune diverso da quello di residenza.