Morto in attesa del tampone: addio a Jonathan Mangone, tifoso livornese

Un giovane uomo è morto in attesa del tampone per il Coronavirus: addio a Jonathan Mangone, tifoso livornese di 39 anni.

(Twitter)

Non ce l’ha fatta Jonathan Mangone, 39 anni, cassiere in un supermercato a Livorno e tifosissimo della formazione amaranto. I suoi familiari hanno denunciato che l’uomo da giorni aveva febbre alta e dolori articolari, è morto in attesa che gli facessero il tampone. Dopo il decesso, è emersa la positività al Coronavirus.

Leggi anche: Iva Zanicchi ricoverata in ospedale: peggiorate le sue condizioni

I familiari sottolineano che il loro caro congiunto è morto sabato pomeriggio, mentre il medico di famiglia avrebbe loro spiegato che avrebbero dovuto attendere lunedì – vale a dire oggi – per capire le reali condizioni del giovane uomo e quindi effettuare il tampone. La situazione però è appunto precipitata rapidamente.

Leggi anche: Niente operazioni a causa del Covid, raccolto l’appello di Martina

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il dramma di Jonathan Mangone, morto di Coronavirus senza che nessuno lo aiutasse

Nella giornata di sabato 7 novembre, infatti, il 39enne Jonathan Mangone ha cominciato a stare molto più male, le sue condizioni di salute si sono aggravate, respirava a fatica. Così i familiari hanno chiamato immediatamente i soccorsi del Suem 118, che si sono precipitati presso l’abitazione del tifoso amaranto. Al loro arrivo sul posto, l’uomo stava perdendo conoscenza ed è stato effettuato un primo tentativo di rianimazione.

Successivamente, durante il trasporto in ambulanza, Jonathan Mangone ha avuto un altro infarto. Portato in terapia intensiva, nella prima serata di sabato, è sopraggiunto il decesso dell’uomo, per arresto cardiaco. La famiglia dell’uomo ha adesso annunciato un esposto in Procura a Livorno, sottolineando negligenze nel valutare le condizioni di salute del proprio congiunto.