Niente operazioni a causa del Covid, raccolto l’appello di Martina

Martina, malata di cancro, aveva denunciato l’impossibilità di sottoporsi ad un’operazione vitale. Il suo appello è stato raccolto.

Il dramma di Martina è cominciato tre anni fa, quando da una visita si è scoperto che aveva un tumore al colon con metastasi al fegato. La ragazza lombarda ha scoperto che per sopravvivere doveva essere sottoposta ad alcuni interventi chirurgici, uno dei quali doveva essere effettuato proprio in questo periodo. Purtroppo, però, a causa del peggioramento della situazione sanitaria nella regione, il suo intervento è stato annullato.

Leggi anche ->L’appello di Martina, malata di cancro viene rifiutata dagli ospedali

Disperata, la ragazza ha deciso di affidare ai social la sua richiesta d’aiuto. Una richiesta umile, da parte di una giovane che si vede impossibilitata ad accedere alle cure nelle tempistiche corrette. Ecco cosa diceva Martina: “Io parlo per me, eppure credo di dar voce a tanti: ci vengono annullati gli interventi, ci vengono tolte le visite, la situazione è grave”. Un’affermazione a cui aggiunge: “Quando dite che questa è un’influenza e ‘tanto io sono giovane’ dovete invece pensare a vostra sorella, a vostra mamma, vostro nonno. Le vostre famiglie, io non ve lo auguro, potrebbero aver bisogno di cure mediche, anche non per il Covid. Ma, ragazzi, le cure ci vengono tolte! Bisogna rispettare le regole: distanziamento, mascherine. Perché gli ospedali, e io ne giro tanti, sono al collasso. Non possiamo far spegnere la sanità per il Covid”.

Leggi anche ->Allarme dei medici: “Lockdown o ci saranno 10mila morti entro dicembre”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’appello di Martina è stato raccolto da un ospedale di Napoli

L’appello della giovane milanese è stato raccolto in queste ore da un ospedale di Napoli. Ad invitarla a curarsi nella propria struttura è stato il dottor Attilio Bianchi, direttore del nosocomio all’Istituto per tumori Pascale di Napoli. Il medico ha risposto all’appello della ragazza direttamente sui social, assicurandole che nella sua struttura sanitaria c’è l’opportunità di portare a termine l’operazione che le serve in tempistiche brevi. Insomma la storia di Martina sembra che stia avendo un epilogo positivo, adesso si spera che tutti comprendano il perché è necessario rispettare le regole.