Coronavirus, precipita la situazione del cardinale Bassetti

Grave il cardinale Gualtiero Bassetti, in terapia intensiva il capo dei vescovi italiani: precipita la situazione, quadro clinico complesso.

(VINCENZO PINTO/AFP via Getty Images)

C’è stato un “aggravamento complessivo del quadro clinico” del cardinale Gualtiero Bassetti, ricoverato dal 31 ottobre scorso dopo essere risultato positivo al Coronavirus. L’alto prelato è stato trasferito in terapia intensiva nella notte tra il 2 e il 3 novembre nell’Azienda Ospedaliera di Perugia Santa Maria della Misericordia, dove si trova.

Leggi anche: Coronavirus: grave Bassetti, capo dei vescovi italiani

La notizia che il capo dei vescovi italiani si sarebbe aggravato è stata diffusa oggi da una nota della Cei, in cui si precisa che sono stati messi in atto tutti gli accertamenti necessari. Bassetti era nella struttura di Medicina d’Urgenza COVID 1 dell’Ospedale “Santa Maria della Misericordia” di Perugia. Dopo l’aggravarsi delle sue condizioni, qualche giorno fa, lo hanno portato in Terapia Intensiva 2.

Leggi anche: Iva Zanicchi ricoverata in ospedale: peggiorate le sue condizioni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Come sta il cardinale Bassetti, malato di Coronavirus

(ALBERTO PIZZOLI/AFP via Getty Images)

Mons. Stefano Russo, segretario generale della Cei, invita a pregare per il cardinale Bassetti e sottolinea: “Accompagniamo con affetto e vicinanza il cardinale presidente. Sollecitiamo le nostre Chiese alla preghiera in questo momento di prova. Siamo certi che il Signore non farà mancare misericordia e consolazione al cardinale e a quanti sono duramente provati dalla malattia. Ricordiamo anche i medici, gli operatori sanitari e quanti si prendono cura dei sofferenti. Chiediamo a tutti di condividere queste intenzioni nei propri momenti di preghiera quotidiana”.

Classe 1942, originario della provincia di Firenze, il cardinale Gualtiero Bassetti è dal 16 luglio 2009 arcivescovo metropolita di Perugia-Città della Pieve. Inoltre da tre anni ricopre il ruolo di presidente della Conferenza Episcopale Italiana, subentrando al cardinale Angelo Bagnasco. Da circa dieci giorni, sta portando avanti la sua battaglia contro il Coronavirus. Il mondo cattolico si è stretto attorno a lui nella preghiera.