Contagi oggi | gli anestesisti | ‘Lockdown locale unica soluzione’

C’è per forza di cose bisogno di un lockdown come quello di marzo in tutta Italia per frenare i contagi oggi. Lo dice la Aaroi.

Contagi oggi lockdown
Per l’Associazione nazionale anestesisti i contagi oggi si fermano solo col lockdown totale FOTO Getty Images

L’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri (Aaroi) lancia l’allarme in merito ai contagi oggi. Il presidente Alessandro Vergallo parla con toni comprensibilmente preoccupati di come il numero dei ricoveri in ospedale e nei reparti di terapia intensiva in tutta Italia sia destinata a raddoppiare da qui a lunedì 16 novembre.

Leggi anche –> Vaccino Covid | Pfizer Biontech annunciano | ‘Il nostro efficace al 90%’

Questo accadrà puntualmente qualora la curva dei contagi oggi non dovesse scendere. Il Governo aveva istituito la suddivisione in zone di rischio per le regioni italiane a seconda della situazione, proprio per cercare di arginare la diffusione del virus. “Ma i primi effetti delle nuove chiusure e restrizioni cominceremo a vederli come minimo tra dieci giorni”. La preoccupazione è ai massimi livelli, con il Sistema Sanitario Nazionale già sotto pressione da qualche settimana ormai. Al punto che ora la stessa associazione degli anestesisti spinge affinché venga istituito un nuovo lockdown totale a livello esteso, come già avvenuto nella scorsa primavera.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Allarme dei medici: “Lockdown o ci saranno 10mila morti entro dicembre”

Contagi oggi, zona rossa presto anche per le regioni ‘gialle’

Non c’è altra via di uscita, occorre prendere provvedimenti estremi per almeno un mese allo scopo di arginare la circolazione della malattia. Senza intervenire in modo drastico, gli anestesisti prevedono che tra un mese sarà il disastro. “O blocchiamo il virus o sarà lui a bloccare noi. Il nostro sistema non regge già ora ed il rischio è che anche le regioni ad oggi sottoposte a regime di allarme giallo – il minimo previsto nella mappa stilata da Governo, ISS e Comitato tecnico scientifico – presto finiranno con il passare all’arancione e pure al rosso. Un lockdown come quello della primavera 2020 viene richiesto tra l’altro anche da altri esponenti della comunità medico-scientifica italiana.

Leggi anche –> Ricciardi avverte: “Tragedia nazionale annunciata, abbiamo perso tempo”