Il Premier Conte svela: “Se si rifiutano le tre zone, lockdown generale”

Il Premier Conte ha voluto replicare subito alle proteste di diversi governatori delle Regioni che hanno criticato il suo piano con le tre zone

contagi oggi nuovo Dpcm

Da poche ore è entrato in vigore il nuovo Dpcm varato dal governo con il premier Conte che ha spiegato le differenze dopo un lungo lavoro di monitoraggio. Così ha voluto spiegare la finalità delle fasce: “Nessuno ha mai messo in discussione prima il meccanismo di monitoraggio che ha portato alla divisione dell’Italia in tre fasce, rifiutarlo significa portare il Paese verso un nuovo lockdown generalizzato“. Poi ha aggiunto: “Chi ci vuole accusare di agire sulla base di discriminazioni politiche, è davvero in malafede”. Alcuni governatori delle Regioni hanno messo in dubbio il suo piano, ma il Premier precisa. “Non c’è alcuna volontà di penalizzare alcune aree a discapito di altre”.

Leggi anche –> Coronavirus Italia 5 novembre: dati choc, 34.505 casi e 445 decessi 

Leggi anche –> Coronavirus, monito dell’Iss: “Ci sono delle ricrescite”

Premier Conte, le accuse di Fontana

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Durante la trasmissione di Canale5Pomeriggio Cinque” è tornato a parlare Attilio Fontana, governatore della Lombardia, che ha rivelato: “Ho già parlato con diversi sindaci dei vari territori che sono in condizioni migliore. Dopo aver fatto fare un’analisi ai nostri tecnici, chiederemo al ministro Speranza per allentare parzialmente i provvedimenti per queste città che si trovano in una situazione migliore”. Infine, ha svelato: “Non lo possiamo fare subito, ma spero di poter fare questa richiesta prima di 15 giorni: appena avrò in mano i risultati di queste analisi”.