“Il Covid punizione di Dio per i peccatori”: pastore muore a causa del Coronavirus

Il Pastore evangelista Irvin Baxter è deceduto di Coronavirus. In marzo sosteneva che il Covid fosse una punizione per i peccatori.

Durante i primi mesi della pandemia di Coronavirus, il pastore evangelista Irvin Baxter ha suscitato clamore sostenendo che il Covid fosse una punizione divina. In particolare, secondo il religioso, la pandemia era una punizione per coloro che si macchiavano di fornicazione. Chiaramente si trattava di una libera interpretazione della Bibbia, o quanto meno del Vangelo, visto che i cristiani non credono nelle punizioni divine in vita.

Leggi anche ->L’allenatore dell’Italia Roberto Mancini positivo al Coronavirus

Ma tralasciando l’origine teologica della convinzione di Baxter, soffermiamoci su quelle che furono le sue parole qualche mese fa. Ospite di una trasmissione condotta da Jim Bakker, il pastore ha cominciato ad elencare i numeri delle unioni non benedette dal Signore. Prima dicendo che in America c’erano 15 milioni di coppie non sposate, quindi aggiungendo che negli ultimi 10 anni il numero di coppie non sposate era cresciuto del 138%.

Leggi anche ->Marco Carta positivo al Covid: “Non si scherza con questo virus”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Pastore muore di Covid, in marzo sosteneva si trattasse di una punizione divina

L’elenco continua con la citazione di un’altra percentuale, quella riguardante al numero di spose che arrivano illibate al matrimonio: “Adesso, in aggiunta a questo – io spero che i risultati di questa ricerca non siano veritieri, ma l’ho presa dall’enciclopedia – solo il 5% delle spose arriva vergine al matrimonio. Questo significa che il 95% ha già commesso fornicazione”.

Dopo aver citato dei passi biblici in cui viene condannato l’atto sessuale fuori dal matrimonio, il Pastore aggiungeva: “Se pensiamo di poter ignorare Dio e fare una vita piena di peccato, bene, non possiamo. Io credo in ciò che stai dicendo, che Dio possa usare questo come un’ultima chiamata. Questo Coronavirus potrebbe essere un privilegio perché, te lo dico, c’è un più grande giudizio in arrivo. E’ scritto nella Bibbia”.

L’interpretazione dei segni del tempo fatta da Baxter non si è rivelata corretta. Il virus non guarda in faccia a nessuno, non prende solo i buoni o solo i cattivi, prende chiunque capiti a tiro e le conseguenze variano da persona a persona. Tra questi c’è anche il pastore, il quale purtroppo nelle scorse ore è deceduto. La sua dipartita è stata salutata dai ministri di Dio della sua comunità con queste parole: “E’ con grande dolore che dobbiamo annunciare la dipartita di Irvin Baxter. Troviamo grande conforto dal sapere che aveva già raggiunto tutti i più grandi traguardi della vita, aveva 75 anni”.