Autocisterna in fiamme: fuoco e fumo invadono la superstrada FiPiLi

Un’autocisterna ha preso fuoco mentre percorreva la superstrada FiPiLi in direzione Empoli: sul posto i vigili del fuoco.

Poco fa un’autocisterna che viaggiava sul tratto San Miniato-Empoli, percorrendo la superstrada che collega Firenze e Livorno, ha preso fuoco. Al momento non è chiaro quali siano le cause dell’incidente, ma pare che non ci siano feriti, nemmeno l’autista del mezzo di trasporto. Sul sito dell’incidente sono già giunti i vigili del fuoco, i quali stanno cercando di spegnere le fiamme e interrompere la colonna di fumo che oscura il cielo e rende pericoloso il tratto.

Leggi anche ->Bimbi uccisi assieme alla madre in un tragico schianto

Com’è possibile osservare da alcune immagini pubblicate in rete, dall’autocisterna emerge una colonna di fumo e fiamme che invade tutto il tratto stradale. Per evitare che questo generi incidenti, la polizia stradale ha recintato la zone e deviato il traffico. Chi viene da Firenze, dunque, è obbligato ad uscire ad Empoli Ovest, mentre chi giunge da Pisa dovrà imboccare l’uscita di Santa Croce.

Leggi anche ->Pedofilo approccia una bimba in pieno giorno: una donna lo ferma così

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Autocisterna in fiamme sulla superstrada: vigili del fuoco già all’opera

Al fine di estinguere l’incendio il prima possibile ed evitare danni e pericoli, sono state coinvolte nelle operazioni di spegnimento dell’incendio le squadre di vigili del fuoco di Empoli, Petrazzi, Pontedera e Santa Croce, un mezzo del Comando di Prato e i nuclei Nbcr di Firenze e Pisa.

Intervistato sull’incidente, l’assessore regionale ad infrastrutture e trasporti Stefano Baccelli ha dichiarato: “Sto monitorando la situazione. Sono in contatto con AVR, gestore dell’infrastruttura, e stiamo seguendo le operazioni si spegnimento minuto per minuto. Poi valuteremo eventuali danni alle carreggiate. Il primo obiettivo è rimettere in sicurezza la strada e ripristinare lo scorrere del traffico, per alleggerire i disagi dei pendolari che sono rimasti bloccati, anche se i tempi di ripristino non saranno brevi. Inevitabile anche una riflessione sul danno ambientale”.