Roma, arrestato il trapper Sayanbull con 3 amici: violenza e aggressioni

Arrestato il trapper Sayanbull con 3 amici: violenza e aggressioni a Roma, il giovane non è nuovo a fatti del genere.

(Instagram)

Un blitz in una sala di registrazione e l’aggressione per strada di un cittadino straniero lasciato a terra privo di sensi: questi i reati che vengono contestati ad Alex Refice, 25 anni, cantante di musica trap molto noto fra i giovanissimi con il nome d’arte di Sayanbull, e a tre suoi sodali, ovvero Manuel Parrini, 23 anni; Omar Nguale Llunga 36 anni; e Tiziano Barilotti, 32 anni.

LEGGI ANCHE –> Roma, arrestati Gallagher e Traffik: gravi accuse ai due cantanti

Sayanbull – che ha diverse decine di follower sul suo profilo Instagram – è noto per la sua collaborazione con Ion, un rapper, pugile e attore italiano, nato da madre tunisina e padre congolese. I video di alcuni dei loro brani, caricati su Youtube, superano il milione di visualizzazionie  sono molto noti tra i giovanissimi.

LEGGI ANCHE –> Otranto | tre giovani trappers milanesi devastano il centro storico

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le accuse al trapper Sayanbull e ai suoi amici

Il binomio musica trap-violenza non è un fenomeno nuovo, come dimostrano anche altre vicende di un passato anche molto recente e del resto lo stesso Sayanbull insieme a Parrini nel dicembre 2019 era già finito sotto accusa per un’aggressione a un barman e un buttafuori. Aveva poi chiesto scusa: “Siamo stati provocati, non abbiamo tentato nessuna estorsione, avevamo i soldi per pagare da bere. Abbiamo sbagliato”. Ma nel mentre non avevano perso occasione per insultare e minacciare i cronisti che si erano occupati del loro caso: “Per voi solo lame”, avevano scritto.

Sayanbull è anche accusato di aver aggredito in passato Gallagher, un altro trapper e due giovani promesse della scena, ovvero Ski e Wok. Il video di quell’aggressione era finito sulla pagina Youtube ‘Social Boom’ e addirittura Fedez si era scomodato per chiedere la chiusura di quella pagina. Questa non solo è attiva, ma è anche ricca di contenuti che inneggiano a una sorta di “guerra tra bande”. Tra le aggressioni che vengono contestate al trapper e ai suoi sodali ci sono quelle a Gallagher e al buttafuori, ma non solo: il trapper avrebbe anche picchiato per strada un bengalese e per questo rischia l’aggravante della discriminazione razziale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

⚡️⚡️PREGO PER LA STRADA LA FAMIGLIA E UN COMPARE CHE STA LA⚡️⚡️

Un post condiviso da ⚡️DON SAYANBULL™⚡️ (@alex_sayanbull) in data: