Lazio, inchiesta Procura Figc per i tamponi: cosa sta succedendo?

Ore frenetiche in casa Lazio con l’inchiesta della Procura Figc: Immobile non è partito per la sfida di Champions, cos’è successo? 

Tare Lazio

In campo domenica contro il Torino, fuori dai convocati per la delicata sfida a San Pietroburgo: la situazione di Ciro Immobile è alquanto strana così come quelle di Leiva e Strakosha. E così la Procura Federcalcio ha aperto un’inchiesta nei confronti della Lazio per capire se ci siano state o meno eventuali violazioni ai protocolli sanitari per contenere l’epidemia da Covid-19 approvati dalla Figc e validati dall’Autorità Governativa.

Leggi anche: Coronavirus Italia | ‘Il 75% dei contagi avviene a casa in famiglia’

Leggi anche: Cristiano Ronaldo positivo al Coronavirus: le sue condizioni

Lazio, il comunicato della Federazione

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La Federazione ha svelato la realtà dei fatti con una nota ufficiale: “Fin dalle prime informazioni sulla positività di alcuni calciatori emerse la scorsa settimana, il Procuratore Chiné ha disposto due ispezioni presso il centro sportivo biancoceleste a Formello, durante le quali i rappresentanti del pool costituito in Procura per verificare il rispetto dei Protocolli sanitari hanno ascoltato il presidente Claudio Lotito e il medico sociale Ivo Pulcini, oltre ad acquisire i referti dei tamponi effettuati prima della gara di Champions League Club Brugge-Lazio e del campionato di Serie A Torino-Lazio“.

Poi si continua: “Questa mattina sono stati richiesti ufficialmente alla Lazio i referti dei tamponi effettuati alla vigilia della gara in programma domani a San Pietroburgo con lo Zenit, valida per la terza giornata di Champions”. E così la Procura Federale “ha deciso di aprire un’inchiesta sulla questione tamponi della Lazio anche alla luce delle positività alterne di giocatori come Immobile, Leiva e Strakosha, disponibili per le gare di campionato e fermati per presunte positività invece dalla Uefa”.