Francesco Caterino, ‘docente zero’ morto di Coronavirus: moglie denuncia

La tragica vicenda dell’architetto di 59 anni, Francesco Caterino, il ‘docente zero’ morto di Coronavirus: la moglie denuncia.

Francesco Caterino

Non ce l’ha fatta e ha perso la sua battaglia contro il Coronavirus, Francesco Caterino, architetto della provincia di Caserta deceduto domenica scorsa. L’uomo era insegnante d’Arte all’Ic “De Nicola-Sasso” di Torre del Greco. Lo avevano definito il “docente zero”, in quanto il primo a contagiarsi nell’istituto.

Leggi anche: Coronavirus, mascherine a scuola: vanno tenute anche al banco

Dopo di lui, avevano contratto il Coronavirus anche 11 suoi colleghi, 6 alunni ed un collaboratore scolastico. Il docente deceduto, che aveva 59 anni, era originario di Casal di Principe ma da tempo era residente a Capua. Era stato ricoverato una ventina di giorni fa al Covid Center “Melorio” di Santa Maria Capua Vetere. Appena 3 le lezioni tenute prima che si scoprisse la sua positività.

Leggi anche: Dpcm, cosa cambia per le scuole: chiusure e nuove norme

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La denuncia della moglie di Francesco Caterino

(Diana Bagnoli/Getty Images)

Nel frattempo, i familiari di Francesco Caterino accusano l’ospedale di malasanità. Lo ha affermato in queste ore a gran voce la moglie Ida Colandrea, che si è sfogata sui social: “Molte volte chi occupa posti di un certo rilievo, li occupa non per meritocrazia ma mi vien da pensare solo per clientelismo o altro schifo… come succede spesso nel paese Italia … operatori non tutti certo e medici non tutti certo. Vergognatevi, giocate con la salute delle persone e con la vita di noi tutti esseri umani…”.

Il riferimento della donna è proprio al trattamento che avrebbe ricevuto il marito e per il quale avrebbe fatto denuncia penale. Le fa eco il figlio Marco, che racconta una vicenda che la famiglia definisce di malasanità ed evidenzia: “Purtroppo l’unica ‘arma’ che ho ad oggi è questa pagina di denuncia sociale, affinchè la mia esperienza possa essere d’aiuto ad altre persone. Questo virus non guarda in faccia a nessuno, non pensate di trovare sicurezza in ospedali e altre istituzioni”.