DaBaby, dramma per il rapper: morto suicida il fratello

Il grave lutto che ha colpito DaBaby, dramma per il rapper che spopola nelle classifiche internazionali: morto suicida il fratello.

(Carmen Mandato/Getty Images)

Glenn Johnson, il fratello maggiore del rapper DaBaby, è morto martedì per una ferita da arma da fuoco. Stando a quanto afferma il sito TMZ, si tratterebbe di un caso di suicidio. Nelle sue Instagram Stories, il rapper ha condiviso il testo di “Intro”, dal suo album di successo del 2019, Kirk: “Mio fratello pensa che non lo amiamo e lo lasciamo lottare come se non fossimo una famiglia”.

LEGGI ANCHE –> Roma, arrestato il trapper Sayanbull con 3 amici: violenza e aggressioni

Un omaggio al fratello scomparso in maniera tragica nelle scorse ore da parte di Jonathan Lyndale Kirk, classe 1991, autore di brani come Rockstar che nella scorsa primavera ha conquistato sia la vetta della Billboard Hot 100 che il primo posto nel Regno Unito nella classifica dei singoli più venduti, oltre a essere stato visto su Youtube da quasi 90 milioni di utenti.

LEGGI ANCHE –>Roma, arrestati Gallagher e Traffik: gravi accuse ai due cantanti

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Morto il fratello di DaBaby, il rapper sconvolto: “Dannazione”

Il sito specializzato TMZ riferisce che Johnson, 34 anni, ha condiviso un video sui social media di se stesso in un’auto visibilmente sconvolto e in lacrime mentre impugnava una pistola. “Nel video, il fratello di DaBaby ha affermato di aver subito molti torti in passato” – riferisce TMZ – “Non molto tempo dopo, le nostre fonti dicono che si è sparato alla testa ed è morto”. Su Twitter, DaBaby ha scritto semplicemente, “Damn bruh”, ovvero “Dannazione, fratello”, con il cuore spezzato.

Il rapper è diventato famoso dopo aver pubblicato diversi mixtape tra il 2014 e il 2018. Il suo debutto, Baby on Baby, ha raggiunto il numero sette nella Billboard 200. Il suo secondo lavoro, Kirk, ha debuttato al numero uno. Poco prima del suo album d’esordio, era morto suo padre. Il rapper nel 2019 è stato coinvolto in una sparatoria in cui ha perso la vita un giovane e ha sostenuto di aver usato la pistola per autodifesa. A gennaio di quest’anno, è stato arrestato per rapina: avrebbe sottratto dei soldi, insieme alla sua band, a un promoter musicale che lo avrebbe pagato meno del pattuito.