GF Vip, Guenda Goria attacca Elisabetta Gregoraci: “Manca di umanità”

Uscita dal Grande Fratello Vip, Guenda Goria ha rilasciato un’intervista su ‘Chi’ in cui parla del rapporto con Elisabetta Gregoraci.

Venerdì scorso lo scontro al televoto tra Guenda Goria e Elisabetta Gregoraci ha visto la vittoria di quest’ultima. La figlia dello storico giornalista Rai Amedeo Goria, dunque, è uscita dalla competizione, ma ieri sera ha fatto ritorno nello studio del programma per salutare gli ex coinquilini e per parlare un po’ di sé. Signorini, infatti, ha voluto sapere immediatamente come si è evoluta la sua storia con Telemaco. Guenda gli risponde di essere rimasta delusa dall’accoglienza che gli ha riservato l’uomo e dunque di aver deciso di troncare una volta per tutte il racconto.

Leggi anche ->Paolo Brosio, la sua fidanzata ha 22 anni: l’annuncio al Grande Fratello

Successivamente il conduttore ha mostrato agli inquilini una parte dell’intervista che Guenda ha rilasciato al settimanale ‘Chi‘. In questa ha usato parole non certo di stima per Elisabetta Gregoraci, definendola una persona poco umana. Guenda la invitava a “spettinarsi l’anima” e mostrare la sua vera natura. Parole che hanno colpito nel segno e che hanno mandato su tutte le furie la soubrette calabrese.

Leggi anche ->Grande Fratello VIP, Elisabetta Gregoraci: “Voglio andare via”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Elisabetta Gregoraci infuriata: “Ha avuto cinquanta giorni per dirmi le cose in faccia”

Ad infastidire la Gregoraci sono state sì le parole, ma anche e soprattutto il fatto che quando Guenda era dentro la casa non le ha mai detto cosa pensava. Quando è stata mandata la pubblicità, infatti, Elisabetta si è sfogata con gli altri inquilini: “Hai avuto cinquanta giorni per parlare con me e non lo hai fatto mai. Se hai cose da dirmi me lo dici quando posso risponderti. Hai tanto criticato Matilde e lei ha fatto tre volte peggio”.

Contestate le modalità con le quali Guenda l’ha criticata, la Gregoraci poi contesta anche il giudizio espresso: “Puoi dire che ti sono antipatica e che non hai legato con me, ma come ti permetti di parlare di umanità? Ha avuto la possibilità di parlarmi in faccia, non lo ha fatto”.