Dpcm, governo convoca d’urgenza le Regioni: a breve le misure

In vista dell’approvazione definitiva del nuovo Dpcm, il governo ha convocato le Regioni per un vertice che avrà inizio alle 15:30.

Dopo il report di venerdì della Protezione Civile sulle zone a maggior rischio, il governo ha cominciato a confrontarsi con tutte le parti alla ricerca di una linea comune da adottare per fronteggiare la diffusione della pandemia ed al contempo preservare laddove possibile la continuità lavorativa. Ieri il premier ha spiegato che verrà adottato un sistema a tre zone, in cui le misure di prevenzione del contagio saranno via via più rigide.

Leggi anche ->Dpcm, Crisanti: “Attenzione, le regioni potrebbero truccare i dati”

Alla fine della giornata di discussioni in parlamento, tuttavia, ieri sera c’erano ancora alcuni nodi da sciogliere. Per questo motivo si attendeva la convocazione di un vertice con le regioni per scioglierli e approvare definitivamente il nuovo Dpcm. Adesso è giunta la comunicazione che il governo ha convocato tutti i Governatori di Regione d’Italia per un vertice che avrà luogo questo pomeriggio a partire dalle 15:30.

Leggi anche ->Lockdown, il professor Locatelli: “Il coprifuoco chiamatelo in un altro modo”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dpcm, Zampa: “Sarà un lockdown light come quello tedesco”

Come detto sopra si sta cercando di fare un lockdown a zone, ovvero una chiusura graduale in base al livello di rischio. Sono state individuate tre possibili zone, una verde (rischio basso), una arancione (rischio medio) e una rossa (rischio alto). In questo modo si spera di poter contenere l’aumento di contagi, ma soprattutto di non fare entrare in crisi il sistema sanitario ed al contempo non bloccare totalmente l’economia.

A tal proposito la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, ha dichiarato a ‘Radio Anch’io’: “È abbastanza complicato cercare di fare una misura sartoriale basata su zone, è uno sforzo grandissimo che stiamo facendo. Il tentativo è non paralizzare il paese, voglio che sia chiaro. Non sarà un lockdown rigido, ma simile al modello tedesco, light”.