Lutto nel giornalismo: morto Robert Fisk, l’inviato che intervistò Bin Laden

Robert Fisk, leggendario inviato che intervistò Osama bin Laden e grande esperto di Medio Oriente, se n’è andato all’improvviso a 74 anni.

Si p spento all’improvviso, a 74 anni, a seguito di un ictus Robert Fisk, leggendario corrispondente dal Medio Oriente dell’Independent, noto anche per le sue tre interviste negli anni ’90 a Osama Bin Laden. Il grande giornalista e scrittore britannico era ricoverato al St Vincent’s Hospital di Dublino dopo essersi sentito male venerdì scorso.

Leggi anche –> Lutto nel giornalismo: Giovanni Bartoloni è morto a causa del coronavirus

Leggi anche –> Morto Carlo Franco, lutto gravissimo nel mondo del giornalismo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’ultimo saluto alla storica firma dell’Independent

Nel corso della sua lunga e brillante carriera Robert Fisk ha raccontato le guerre nei Balcani, in Medio Oriente e in Nord Africa per giornali britannici. Il New York Times lo definì nel 2005 “probabilmente il più famoso corrispondente in Gran Bretagna”. Non a caso Fisk ha vinto molti premi prestigiosi nell’arco della cinquantennale carriera, tra cui il premio Orwell per il giornalismo e numerosi British Press Awards nelle categorie di reporter internazionale dell’anno e giornalista straniero dell’anno. Era molto apprezzato per la sua conoscenza e la profonda esperienza nella regione mediorientale, e spesso criticava i giornalisti che scrivevano al desk invece di avventurarsi sul campo.

Nato a Maidstone, nel Kent, in Inghilterra, nel 1946, Robert Fisk aveva preso poi la cittadinanza irlandese e aveva una casa a Dalkey, alle porte della capitale Dublino. Dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001 pianificati da Bin Laden, Fisk, che parlava arabo, ha coperto per due decenni successivi i conflitti in tutto il Medio Oriente. Ma era anche noto per le sue dure critiche nei confronti di Stati Uniti e Israele. Il presidente irlandese Michael D. Higgins ha espresso nelle scorse ore la sua “profonda tristezza”. “Con la sua scomparsa il mondo del giornalismo e dei commenti informati sul Medio Oriente ha perso uno dei suoi migliori giornalisti”, ha dichiarato. “Impavido, intransigente, determinato e totalmente impegnato a scoprire la verità e la realtà a tutti i costi, Robert Fisk è stato il più grande giornalista della sua generazione. Il fuoco che ha acceso all’Independent continuerà a bruciare ”, ha scritto l’amministratore delegato Christian Broughton sul suo giornale.

EDS