Truffa Gratta e Vinci | dipendenti infedeli sottraevano le vincite milionarie

La Guardia di Finanza ha scoperto una truffa gratta e vinci ordita da lavoratori della concessionaria dello Stato che assegnava i premi.

Truffa Gratta e Vinci dipendenti
Scoperta Truffa Gratta e Vinci ordita da dipendenti infedeli che sottraevano i premi milionari ai legittimi vincitori Foto dal web

Era una vera e propria truffa gratta e vinci quella ordita da alcuni lavoratori ed anche ex dipendenti che lavoravano nella società concessionaria dei giochi per conto dello Stato. Tutti loro, in un lungo periodo di tempo che andava dal 2015 al 2019, hanno intascato le vincite di chi aveva presentato i tagliandi vincenti, assicurandosi al loro posto dei premi consistenti.

LEGGI ANCHE –> Gratta e Vinci: chi ha vinto un milione di euro a Sant’Angelo Lodigiano

Il maltolto ammonta alla bellezza di ben 27 milioni di euro. Ora dodici persone sono attualmente indagate per truffa aggravata, ricettazione ed autoriciclaggio di capitali illeciti ed accesso abusivo ai sistemi informatici. Potrebbero anche prefigurarsi altri reati nei confronti di questi autori della truffa gratta e vinci. Tutti loro hanno anche subito dei sequestri di forti somme di denaro. L’inchiesta portata avanti dalla Guardia di Finanza ha portato all’emergere dell’appropriazione indebita in particolare dei montepremi di due tagliandi vincenti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Gratta e Vinci | le regalano un biglietto e intasca mezzo milione

Truffa gratta e vince, Guardia di Finanza stronca banda di dipendenti disonesti

Si tratta di biglietti da 7 milioni di euro ciascuno del Lotto Super Cash. Altri due gratta e vinci che avrebbero dovuto assicurare delle cifre da sogno ai rispettivi proprietari erano invece quelli del Maxi Miliardario. Da 5 milioni di euro ognuno. Ma tutti questi soldi erano stati maltolti e spartiti da questa banda di dipendenti infedeli. Dieci degli indagati sono residenti a Roma, gli altri due a Mantova e come detto, le Fiamme Gialle hanno provveduto al blocco preventivo dei loro beni. Sono stati apposti i sigilli a soldi liquidi ed anche ad immobili, per un valore complessivo quasi identico a quello che risulta sottratto in maniera indebita.

LEGGI ANCHE –> Trova un gratta e vinci nel finestrino dell’auto: la sorpresa è incredibile