Maurizio Cecconi, chi è il medico eroe dell’emergenza Coronavirus

Carriera e curiosità su Maurizio Cecconi, chi è il medico eroe dell’emergenza Coronavirus, nominato Cavaliere della Repubblica.

(screenshot video)

Abbiamo spesso sentito parlare in questi mesi di medici eroi nella lotta al Coronavirus, molti hanno nomi e cognomi e per questo sono stati insigniti di particolari onorificenze. Tra questi c’è ad esempio Maurizio Cecconi, docente di Humanitas University e Responsabile Anestesia e Terapie intensive in Humanitas. Nei mesi scorsi ha ottenuto l’onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica, consegnata oggi dal presidente Mattarella.

Leggi anche ->Lockdown a Natale | Crisanti | ‘Con questi numeri avverrà prima’

Insieme a lui, un gruppo di cittadini che si sono particolarmente distinti nel servizio alla comunità durante l’emergenza del Coronavirus. Per citarne alcuni, Annalisa Malara e Laura Ricevuti, rispettivamente, anestesista di Lodi e medico del reparto medicina di Codogno, che per prime capirono che Mattia il cosiddetto paziente 1 era affetto da Coronavirus.

Leggi anche ->Coronavirus Campania | De Magistris | ‘Lockdown certo | De Luca pessimo’

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, la storia del medico Maurizio Cecconi

Ci sono poi Don Fabio Stevenazzi del direttivo della Comunità pastorale San Cristoforo di Gallarate, che durante l’emergenza è tornato a fare il medico, stessa scelta fatta da Monica Bettoni, ex senatrice e Sottosegretaria alla Sanità, medico in pensione, quindi ancora Elena Pagliarini, l’infermiera di Cremona ritratta nella foto diventata poi il simbolo di quanto stava accadendo. Maurizio Cecconi era già stato premiato da Jama (Journal of the American Medical Association), una delle riviste mediche più importanti al mondo.

Insieme a lui erano stati premiati l’oculista di Wuhan Li Wenliang, morto di coronavirus dopo averne denunciato la gravità, e Anthony Fauci, esperto infettivologo americano. Il dottor Cecconi ha spiegato: “Non siamo eroi ma so che abbiamo lavorato insieme con impegno e passione e condiviso ogni dato, informazione o evidenza in nostro possesso. Siamo felici se questo nostro sforzo ha potuto aiutare gli altri Paesi a prepararsi al meglio”.