Vaccino anti-Covid 19, Burioni svela la data: ecco quando arriverà

Tutto pronto per il vaccino che dovrebbe arrivare a breve come svelato anche da Burioni: il tweet del professore che apre a qualche spiraglio di speranza

Novità importanti per quanto riguarda il vaccino anti-Covid 19 come svelato dal professor Burioni sul suo profilo Twitter: “Abbiamo una data. Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer, scrive che se tutto andrà bene presenterà una richiesta per una autorizzazione di emergenza del vaccino contro Covid 19 nella terza settimana di novembre 2020. Forza!”. Così l’amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla, ha svelato che la casa farmaceutica Pfizer prevede di chiedere l’autorizzazione per il suo vaccino anti-Covid all’agenzia americana Fda nella terza settimana di novembre.

Leggi anche –> Coronavirus, teoria negazionista della sorella di Ronaldo: “Grande frode”

Leggi anche –> Cristiano Ronaldo torna in Italia: è positivo al Coronavirus

Vaccino anti-Covid 19, la lunga lettera di Bourla

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Così nella lettera pubblicata da Bourla si possono leggere tutte le novità: “Ci sono tre aree in cui, come per tutti i vaccini, dobbiamo dimostrare di avere successo per ottenere prima l’approvazione per l’uso pubblico. Innanzitutto il vaccino deve essere efficace, il che significa che può aiutare a prevenire il Covid 19 nella maggior parte dei pazienti vaccinati. In secondo luogo bisogna dimostrare che il vaccino sia sicuro, con dati affidabili generati da migliaia di pazienti. Dobbiamo dimostrare, infine, che il vaccino può essere costantemente prodotto secondo i più elevati standard di qualità”. Novità che aprono spiragli decisivi per il vaccino anti-Covid, che dovrebbe così arrivare nella terza settimana di novembre dando fiducia negli italiani. Gli stessi che sarebbero pronti ad affrontare un nuovo lockdown specifico limitando alcune attività, considerate dannose per l’aumento dei contagi. In questo modo il Governo spera di contrastare l’emergenza sanitaria, ancora molto vigorosa in tutto il territorio nazionale.