Coronavirus, Conte: “Meno libertà per tutelare la salute dei cittadini”

Il premier Giuseppe Conte spiega che i prossimi provvedimenti del governo porteranno ad alcune restrizioni necessarie.

La gestione della pandemia da parte del governo italiano è stata sinora ottimale. Non solo è stato il primo Paese a fronteggiare una fase acuta in Europa, ma lo ha fatto con successo e limitando il più possibile i danni. La stretta collaborazione con il Comitato tecnico-scientifico ha portato a prendere decisioni votata alla cautela, un approccio che per il momento a pagato nella gestione dell’epidemia anche se ha avuto un costo abbastanza alto dal punto di vista esclusivamente economico.

Leggi anche ->Coronavirus, nuovo Dpcm: multe di 3000 euro per chi è senza mascherina

Con i numeri dei positivi in costante aumento, il governo si appresta a varare delle ordinanze restrittive per tutto il territorio nazionale. Non si tratta ovviamente di un lockdown, ma di misure che comporteranno la limitazione di alcune libertà. Sulle motivazioni che inducono il governo a prendere simili decisioni si è espresso nelle scorse ore il premier Giuseppe Conte, spiegando: “Siamo consapevoli che il nemico non è stato ancora sconfitto. Siamo consci però di non poter disperdere tutti i risultati sin qui raggiunti a prezzo di molti sacrifici”.

Leggi anche ->Covid: i superdiffusori sono i principali responsabili della pandemia

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, Conte: “Massima trasparenza”

Insomma le prossime limitazioni verranno prese per preservare l’economica e la socialità ed al contempo impedire che la gestione dei positivi diventi problematica. Conte sottolinea la massima trasparenza avuta dal governo in questi mesi e promette che ogni decisione presa sarà giustificata e spiegata alla popolazione: “Il costante aumento dei contagi in tutta Italia, seppur ancora sotto controllo, ci impone di tenere l’attenzione altissima e di continuare a essere molto prudenti – spiega al Corriere della Sera – rinunciando ad alcune libertà. Come abbiamo sempre fatto, qualsiasi misura sarà adottata in piena trasparenza e all’insegna dei principi di proporzionalità e adeguatezza”.

In conclusione il premier invita l’opposizione al confronto e la popolazione alla massima collaborazione, perché, aggiunge: “insieme possiamo vincere la sfida di questa crisi sanitaria ed economica con fiducia, responsabilità e coraggio”.

stato di emergenza proroga