Al Guggenheim di New York una nuova opera di Cattelan: una banana sul muro

La banana sul muro di Cattelan arriva al Guggenheim di New York.

Guggenheim, l'opera di Cattelan
Guggenheim, l’opera di Cattelan arriva al museo

Le opere dell’ artista Maurizio Cattelan sono famose in tutto il mondo. Nessuno può infatti dimenticare il famoso WC in oro, intitolato America, una delle sue opere più controverse e allo stesso tempo intraprendenti degli ultimi anni. Oggi arriva al Guggenheim un’altra mostra, un’altra opera d’arte di Maurizio Cattelan molto particolare “La banana sul muro”.

L’opera fece scalpore in una famosa fiera dell’arte a Miami intitolata Comedian. Questa è l’ultima provocazione dell’artista che, da Padova, ha conquistato tutto il mondo. Ora la banana arriva proprio al Guggenheim grazie alla decisione di lasciare l’opera da parte di un donatore anonimo al direttore Richard Armstrong. Proprio lui ha dichiarato di essere entusiasta di questa donazione, ma ancora non sappiamo quando finalmente quest’opera verrà presentata al pubblico.

La genesi dell’opera d’arte di Cattelan

Quando era stata esposta a Miami la banana attaccata al muro aveva fatto scalpore ovunque e tutti erano rimasti sconvolti tanto che c’era stato un vero e proprio volano di attenzioni e di curiosità. Alla fine la fiera aveva visto un vero e proprio boom di visitatori. Il frutto era in vendita per 120.000 dollari nonostante, essendo una banana vera, lentamente appassiva. Insomma, si acquista un concetto più che un’opera d’arte semplice e, ora che viene esposta al Guggenheim verrà cambiata ogni qual volta sarà troppo appassita per rimanere appesa al muro.

David Datuna ha mangiato la banana

Un’opera d’arte che provoca anche. È indubbio. Alla fine dell’esposizione al Comedian, ad esempio, c’era stato anche un momento di estrema arte e performance con l’artista David Datuna che aveva staccato la banana del muro e l’aveva mangiato davanti agli occhi dei presenti. Arte nell’arte? Un attacco di fame? Ironizziamo, alla fine è stata una performance artistica e l’opera d’arte è stata realizzata nuovamente e venduta a 150.000 dollari.

Come dicevamo, visto che la banana è reale, i proprietari dell’ opera e ora il Guggenheim
ogni volta che la banana sarà completamente appassita sono tenuti a cambiare il frutto e il nastro adesivo per mandare avanti questa incredibile installazione. Quindi se volete andare a fare un viaggio a New York e più precisamente al Guggenheim troverete questa incredibile quasi un po’ paradossale opera d’arte tutta da visionare, scoprire e soprattutto analizzare nel suo significato più profondo.