Maestra d’asilo avvelena 25 bambini per vendetta: condannata a morte

La maestra d’asilo cinese arrestata lo scorso anno per aver avvelenato 25 bambini è stata condannata a morte.

Lo scorso anno la 27enne maestra d’asilo Wang Yun è stata arrestata in correlazione ad uno scioccante episodio di cronaca. Un’intera classe di bimbi di un asilo di Juaozuo, quello in cui lavorava, ha accusato forti dolori e sono stati trasportati in ospedale dopo aver mangiato del porridge. Durante la degenza dei bimbi in ospedale, uno di loro è morto. Dalle analisi sul corpo del piccolo è risultato che la causa della morte era stata l’ingestione di nitrato di sodio. Si tratta di una sostanza alimentare utilizzata spesso per la stagionatura della carne, ma che, se assunta in dosi elevate, può causare uno stato di avvelenamento e nei casi peggiori la morte.

Leggi anche ->Cina, maestra d’asilo avvelena 23 bambini per vendetta

Inizialmente la donna non era stata interrogata, anche perché l’episodio si è verificato durante il turno di lavoro di una sua collega. Durante le indagini, però, si è giunti a sospettare della 27enne. Dopo una serie di interrogatori Wang ha ammesso di aver avvelenato la colazione dei bambini come atto di vendetta nei confronti della collega con cui, il giorno precedente, aveva litigato.

Leggi anche ->Maestra d’asilo violenta incastrata dalle telecamere: “Ti spezzo le ossa”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Maestra d’asilo condannata a morte per aver avvelenato 25 bambini

Dopo la confessione, la donna è stata processata per omicidio volontario e tentato omicidio di altri 24 bambini. Nelle scorse ore è giunta la sentenza ai suoi danni: il giudice ha stabilito per lei la pena di morte. Sul giudizio del magistrato pesa anche il precedente. In passato, infatti, la maestra aveva cercato di avvelenare il marito con lo stesso metodo. Dopo aver comprato una dose massiccia di nitrato online, lo aveva mescolato con il pranzo dell’uomo causandogli in quel caso solo delle ferite lievi. La condotta della donna è stata giudicata dal giudice come “Crudele e spregevole”.