Mascherina obbligatoria | aggredisce panettiere e carabinieri ‘Non la metto’

Un uomo non vuole sottostare al provvedimento di mascherina obbligatoria nei negozi e perde la ragione. È il finimondo in una panetteria.

mascherina obbligatoria
Aggressione mascherina obbligatoria Foto dal web

La norma che rende la mascherina obbligatoria in qualsiasi esercizio commerciale, mezzo di trasporto pubblico e luogo di incontro è una norma imprescindibile affinché il virus in circolazione in Italia almeno dallo scorso febbraio rallenti. Negli ultimi giorni i contagi sono parsi in risalita, con il sorgere di diversi focolai.

LEGGI ANCHE –> Natale su Marte | allarme Covid sul set del cinepanettone Boldi De Sica

Ed anche se al momento la situazione non è più drammatica dome nella scorsa primavera, occorrono attenzione, responsabilità e senso civico da parte delle persone. Purtroppo però capita non di rado che alcuni incivili si lascino andare a degli episodi deprecabili. La cosa succede tanto in Italia quanto all’estero. Ma limitatamente a casa nostra, arriva da Giarre, in provincia di Catania, l’ultimo odioso atto di barbarie, con un uomo che ha aggredito il titolare di una panetteria e due donne, congiunte di quest’ultimo, che lavorano nella stessa bottega. Il titolare aveva chiesto al cliente, un 37enne, di indossare la mascherina obbligatoria come detto per potere entrare in qualsiasi negozio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Wuhan | in migliaia al maxi party senza mascherine e distanze | VIDEO

Mascherina obbligatoria, il cliente non vuole indossarla ed aggredisce titolari e carabinieri

Il cliente però non ha accettato affatto la cosa ed anzi, ha lasciato che i suoi peggiori istinti venissero fuori. A quel punto il titolare del negozio ha chiamato i carabinieri ma anche questo inizialmente ha sortito uno scarso effetto. Lo scalmanato si è scagliato pure contro i militari accorsi per ricondurlo a più miti consigli. Il tutto davanti agli occhi esterrefatti di altri clienti. I militari alla fine hanno fatto scattare le manette nei confronti di questo scalmanato. E per lui ora c’è da rispondere delle accuse di resistenza e violenza a pubblico ufficiale oltre che di lesioni personali. Per i tre che lavorano nella panetteria (ricordiamo, il titolare e due donne, n.d.r.) ci è voluta una visita all’ospedale di Acireale a causa di alcune lesioni riscontrate ma per fortuna di lieve entità e guaribili nel giro di 10 giorni.

LEGGI ANCHE –> Scuola riapertura | il protocollo in caso di alunno o docente positivo