Cosenza, branco di giovani dà fuoco alla casa di un disabile

0
5

Prima hanno preso di mira il povero disabile, poi hanno incendiato la sua abitazione: tra gli autori dell’aggressione anche 2 minorenni. 

Scene da Arancia Meccanica a Castrovillari, in provincia di Cosenza. Un branco di giovani, tra cui due minorenni, ha preso di mira un anziano disabile e, dopo averlo ricoperto di insulti, gli ha incendiato casa. Il poveretto è riuscito a scappare prima che l’intero stabile prendesse fuoco, e ha poi raccontato di aver subito già in passato aggressioni analoghe, senza però mai riuscire a identificare i responsabili.

Leggi anche –> Mascherina | altra grave aggressione | pestaggio con mazze da baseball 

Leggi anche –> Padre di famiglia massacrato di botte, aggressori liberi: la disperazione della moglie

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’anziano disabile prima umiliato e poi aggredito

Il branco ha scatenato la sua furia contro il disabile – un invalido civile con problemi di natura psichica – colpendolo in casa con getti d’acqua mentre stava riposando, per poi dar fuoco alla sua abitazione. I Carabinieri di Castrovillari stavolta sono riusciti a identificare velocemente i responsabili e hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Castrovillari, su richiesta della locale Procura, nei confronti di tre persone accusate di incendio e violazione di domicilio. I militari, inoltre, su disposizione del Gip del Tribunale dei Minorenni di Catanzaro hanno dato seguito alla misura cautelare del collocamento in comunità, per gli stessi reati, nei confronti di altri due minori.

L’indagine è partita il 2 agosto scorso a seguito di un incendio in un’abitazione privata. Secondo la ricostruzione effettuata dagli investigatori, i componenti del branco, dopo essere entrati nello stabile per portare a termine il raid nei confronti della vittima, si sono allontanati velocemente a piedi. Nel frattempo, approfittando della porta d’ingresso non perfettamente chiusa, hanno gettato dell’acqua addosso al disabile che stava dormendo e subito dopo hanno appiccato il fuoco. Ora dovranno vedersela con la giustizia.

EDS

uccide la sua ex