Stelle cadenti, le istruzioni della NASA per ammirare le Perseidi a San Lorenzo 2020

Come vedere al meglio le stelle cadenti nella notte di San Lorenzo 2020 seguendo le indicazioni della NASA.

Stelle cadenti come osservarle meglio
I consigli della Nasa per vedere le stelle cadenti

Questa sera, 10 agosto 2020, potremo ammirare le stelle cadenti. Lo sciame di metoriti delle Perseidi, noto anche come Lacrime di San Lorenzo è ormai quasi al picco nei nostri cieli e, con la cometa Neowise che esce dal sistema solare, lo spettacolo delle stelle cadenti è veramente imperdibile. Come osservarle al meglio? La NASA ha dato delle istruzioni precise.

State cercando delle frasi interessanti sull stelle cadenti da inviare questa sera? Le trovate qui –> Frasi per la notte di San Lorenzo e le stelle cadenti: aforismi, citazioni e poesie

Il picco delle stelle cadenti: giorno e ora

La prima cosa da sapere è che, sebbene la notte di San Lorenzo sia quella considerata come la migliore per osservare le stelle cadenti, in realtà il picco sarà nelle ore precedenti all’alba del 12 agosto. Quindi nella notte tra l’11 e il 12. Le Perseidi arrivano nel nostro cielo ogni anno in questo mese estivo perché è il momento in cui la Terra si avventura tra le tracce dei detriti lasciate da una antichissima cometa. Purtroppo quest’anno però la coincidenza con l’ultimo quarto della fase lunare ridurrà di un po’ la visibilità delle stelle cadenti.

Il momento migliore quindi, il picco delle stelle cadenti, è previsto tra la notte inoltrata dell’11 agosto o la mattina presto del 12. L’ora del picco è circa alle 2 di notte con una frequenza di una meteora ogni due minuti.

E se fosse nuvolo?

Qualora le condizioni meteo non fossero favorevoli all’osservazione delle Perseidi non disperate! La diretta delle telecamere del Marshall Space Flight Center della NASA in Alabama vi permetterà di ammirare questo spettacolo pazzesco. Basterà collegarsi su Facebook.

Perché si chiamano Perseidi?

Se vi state chiedendo perché si chiamano Perseidi sappiate che la Nasa ha una spiegazione anche per questa domanda. Gli sciami di meteoriti che si muovono in un determinato radiante prendono il nome della loro posizione a livello di costellazione. In parole povere, le Perseidi si chiamano così perché sono nella costellazione di Perseo. Così come le Geminidi di dicembre prendono il nome dalla costellazione dei Gemelli.

Come osservare al meglio le Perseidi

Per osservare al meglio le Perseidi nella notte di San Lorenzo i consigli della Nasa sono simili a quelli che, ogni anno, vi forniamo anche noi.

  • Optate per un punto di osservazione lontano dalle luci intense.
  • Non focalizzatevi su un particolare punto del cielo, si possono vedere ovunque nel cielo.

Come riconoscere una stella cadente delle Perseidi?

Dovete poi ricordarvi che alcune delle stelle che vedrete in questi giorni non sono delle Perseidi. La Nasa spiega infatti che alcuni meteoriti che solcheranno il cielo in questi giorni appartengono ad altri sciami come gli Alpha Capricornids, gli Southern Delta Aquariids e i Kappa Cygnids.

Le stelle cadenti viste dalla nasa

Per capire se quella che avete visto è una Perseide basterà controllare da dove è partita, ma se non riuscite a identificare la costellazione di Perseo, sappiate che queste sono le più veloci in assoluto.

(Fonte Immagini AdobeStock)